Traffico di droga tra Monza e Milano: sgominata banda. 27 arresti e 40 indagati

polizia-autoMilano, 11 mag – La Polizia ha arrestato 27 persone nel corso di un’operazione per smantellare un’organizzazione attiva nello spaccio di droga fra Monza e Milano. Gli agenti del commissariato di Monza hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare in carcere per 23 persone e agli arresti domiciliari per 4.

L’attività è stata svolta in collaborazione con la questura di Milano e il reparto Prevenzione crimine Lombardia, delle questure di Bergamo, Mantova, Asti e Messina e con l’ausilio di squadre cinofile e della polizia scientifica.

Sono stati inoltre eseguiti 11 decreti di perquisizione personale e locale, emessi al termine dell’indagine denominata ‘Velarium’ condotta dal commissariato di Monza tra settembre 2015 e luglio 2016 per i reati di tentato omicidio, traffico di stupefacenti, sfruttamento della prostituzione, rapina ed estorsione, detenzione e porto abusivo di armi.

L’indagine è partita dal tentato omicidio di un cittadino albanese, avvenuto il 25 settembre 2015 in un bar della periferia di Monza. Dopo gli autori, è stata scoperta un’organizzazione dello spaccio tra Monza, Brugherio e Lissone.

L’attività investigativa ha portato i poliziotti a identificare anche un’intera famiglia di cittadini albanesi, composta da padre, madre e figlio, residente a Monza da anni, attiva nel rifornimento di droga per altri spacciatori. In famiglia ogni componente aveva assegnato un compito: il padre trattava i grossi rifornimenti e il figlio le cessioni ad altri spacciatori.

La madre, invece, si occupava della copertura, nascondendo la droga e controllando che nella strada sotto casa non fossero appostati poliziotti in borghese.

Gli indagati sono complessivamente 40, dei quali 19 italiani, 16 albanesi, due rumeni, un algerino, un marocchino e una polacca. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati anche 140mila euro.(AdnKronos)

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.