Riordino delle carriere e 80 euro strutturali, Siap: «Alfano e Renzi confermano gli impegni assunti»

renzi-alfanoRoma, 9 nov – Nel corso della cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico 2016/2017 presso l’Istituto di Alta Formazione Interforze, il Ministro Alfano ed il Premier Renzi confermano gli impegni assunti nei confronti dei poliziotti.

«Abbiamo, con soddisfazione, apprezzato quanto affermato dal Governo il quale conferma gli impegni con i poliziotti e gli uomini e le donne delle Forze dell’ordine; smentendo così il bieco chiacchiericcio disfattista di qualche improvvisato sindacalista, il Ministro dell’Interno Alfano nel corso della cerimonia di apertura dell’Anno Accademico 2016/2017 presso l’istituto di alta formazione interforze, alla presenza del Presidente Renzi, del Ministro Pinotti, del sottosegretario Lotti, del Capo della Polizia e di tutti i capi delle forze di polizia e delle forze armate, ha confermato il finanziamento aggiuntivo per il riordino delle carriere, l’incremento degli 80 euro che saranno resi strutturali dal 2017, la convocazione imminente da parte della Funzione Pubblica per l’apertura dei tavoli di confronto per il rinnovo contrattuale, lo sblocco delle assunzioni e dei concorsi con turn over al 100% dal 1 gennaio 2017, oltre l’apertura di un fondo straordinario da utilizzare per la riqualificazione e l’incremento di beni strutturali – mezzi, logistica, uniformi etc.»

Così Giuseppe Tiani, Segretario generale del sindacato di Polizia SIAP.

«Il Presidente del Consiglio Renzi nel suo intervento – prosegue Tiani – ha confermato punto per punto quanto affermato dal Ministro Alfano e l’impegno straordinario del Governo nell’invertire in senso positivo il flusso degli investimenti per le forze di polizia e per tutto il personale in uniforme. A quanti in questi ultimi mesi hanno affollato i social con anatemi di varia natura, oggi si contrappongono i fatti comprovati dalle dichiarazioni del premier Renzi che hanno tutti i crismi dell’ufficialità e della sostanzialità vista anche la sede istituzionale e la particolare platea di fonte alla quale gli impegni sono stati proferiti e non nel groviglio immaturo di una rete usata a volte molto male».

«Si conferma così, in parallelo, l’esistenza di due mondi, conclude Tiani, – uno operativo e concreto, uno salottiero e avviluppato nel fiume di parole della rete. Il SIAP è per la concretezza e la fattività, vediamo in questa stagione la possibilità di crescita per l’intero Paese, individuando nel referendum uno spartiacque tra chi vuol rimanere aggrappato ad un anacronistico passato e chi invece ha una visione progressista del futuro del paese. Noi tifiamo per il progresso. Noi crediamo nel futuro che passa anche attraverso l’affermazione dei diritti degli uomini e le donne che difendono ogni giorno tutti i cittadini e la democrazia nel Paese».

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.