Polizia: facevano arrivare illegalmente immigrati spacciandoli per comitiva di tifosi di calcio

polizia-veronaVenezia, 13 lug – 90 le persone sottoposte alle indagini dalla Polizia di Stato che, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia ed Antiterrorismo di Venezia, hanno consentito di disarticolare due distinti sodalizi criminali che agivano al fine di reclutare centinaia di cittadini albanesi e kossovari da far entrare illegalmente nel Regno Unito, attraversando le frontiere negli aeroporti e porti di Italia, Austria, Francia, Germania, Irlanda, Polonia, Portogallo e Spagna

I due gruppi criminali avevano a disposizione una rete di basi logistiche tra Treviso, Verona, Londra e la città di Burrel, sita nel nord dell’Albania.

I trafficanti utilizzavano carte di identità rubate in bianco presso uffici comunali situati in Veneto, Molise, Lazio e Piemonte, oppure fornite da giovanissimi ragazzi italiani in cambio di denaro.

In molti casi utilizzavano anche la tecnica del c.d. “swapping”, ossia della sostituzione della carta d’imbarco e del cambio, all’ultimo momento, del gate per un volo con destinazione diversa.

Per far giungere i migranti nel Regno Unito, venivano anche organizzate delle finte comitive di supporter di calcio, come in occasione dell’incontro di Champions League Manchester City – Roma, del 30 settembre 2014, con i clandestini, all’Aeroporto di Nizza (F), camuffati con sciarpe e magliette della squadra italiana.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.