Nega una sigaretta e viene ucciso da una coltellata. Omicidio a Verona

Vittima un portoghese, connazionale sospettato in Questura

Verona, 1 set – Una sigaretta negata ha scatenato la lite culminata con la coltellata che ha ucciso un cittadino portoghese, ieri sera in un b&b di Verona, nel quartiere di Borgo Roma.

La vittima, Joaquim Manuel Fajardo Moio, 58 anni, aveva un lavoro da operaio, come il presunto assassino, un uomo di 37 anni che è stato portato in Questura per essere sentito assieme ad altri connazionali.

Secondo quanto si è appreso è stato sferrato un solo fendente, che ha reciso l’arteria femorale della vittima – che non è ancora stata identificata -, causandone la morte per dissanguamento. Sia l’uomo ucciso che il presunto autore dell’omicidio erano alloggiati assieme ad altri cittadini portoghesi nel b&b nella zona Sud della città.

Le indagini della Polizia di Stato sono coordinate dal pubblico ministero Valeria Ardito della Procura della Repubblica di Verona. L’ipotesi di reato è omicidio volontario con l’aggravante dei futili motivi.

Sommario
Nega una sigaretta e viene ucciso da una coltellata. Omicidio a Verona
Article Name
Nega una sigaretta e viene ucciso da una coltellata. Omicidio a Verona
Descrizione
Vittima un portoghese, connazionale sospettato in Questura
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo
Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.