Immigrazione, Cagliari: la Polizia arresta due scafisti

scafisti-cagliariCagliari, 5 mag – La Polizia di Stato di Cagliari, nel corso della serata di ieri, ha eseguito due fermi di indiziato di delitto nei confronti di Gitara Issana, e Zaghdod Faycel, entrambi algerini, resisi responsabili del reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina.

In particolare sarebbero i responsabili del trasporto di altri 18 migranti algerini, tutti uomini, che, partiti giovedi scorso a bordo di un’imbarcazione sono stati recuperati l’altro ieri da una motovedetta della Capitaneria di Porto al largo di Capo Teulada, allertata da un mercantile che aveva avvistato l’imbarcazione sulla quale viaggiavano i migranti oramai alla deriva in quanto il motore era in avaria.

Il lavoro investigativo, profuso dagli uomini e dalle donne della Polizia, anche questa volta, nato da una intuizione derivante dal fatto che a bordo dell’imbarcazione potessero nascondersi i trafficanti di uomini ha avuto conferma, tant’è che al termine di una delicata e paziente opera di convincimento sono riusciti a scalfire quella cortina di riservatezza che ha portato all’acquisizione di una fondamentale testimonianza che individuava i due arrestati come coloro che avevano organizzato il viaggio.

Quasi tutti i migranti, come di solito avviene per questa specifica etnia, si sono dichiarati minorenni in quanto è l’unico modo per non essere rimpatriati direttamente nel paese di origine. Per quanto riguarda però soprattutto Gitara Issama i dubbi sono stati ben pochi; difatti il predetto era già giunto sulle coste sarde nell’anno 2010 e, dopo essere stato condotto presso il CIE di Ponte Galeria a Roma, era già stato espulso dal territorio nazionale.

Tutti i migranti, trovati in buone condizioni di salute avevano pagato per il viaggio verso l’Italia una cifra di circa 1.000 euro ciascuno. Nella stessa operazione condotta dalla squadra mobile, a seguito di una serie di riscontri effettuati appena i migranti sono giunti presso il porto canale di Cagliari è stato possibile individuare tra gli stessi anche Hocine Bouterea, di anni 44, anch’egli algerino, ricercato in quanto su di lui pendeva una condanna a 14 mesi di reclusione emessa nel 2013 dalla Procura Generale della epubblica di Cagliari. Quest’ultimo, nel settembre del 2007, si era reso responsabile di aver favorito l’immigrazione di connazionali ma, in quell’occasione la barca sulla quale viaggiavano, era stata intercettata al largo di Cala Cipolla. Dopodichè Hocine è stato condotto presso il CIE di Bari e rimpatriato nel paese di origine. L’altro ieri ha tentato nuovamente un viaggio verso l’Italia ma per lui si sono dischiuse la porte del carcere.


Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.