Firenze, cocaina nascosta nel succo di frutta: in manette corriere della droga

polizia-ferroviariaFirenze, 21 mar – Contrasto agli stupefacenti: la polizia smaschera un altro corriere della droga in stazione a Firenze. L’uomo viaggiava con quasi 300 grammi di cocaina nascosti nel succo di frutta. 

Nei giorni scorsi a scoprire l’ingegnoso nascondiglio, sequestrando il contenuto di un anomalo cartone di succo di frutta, sono stati gli uomini della Squadra di Polizia Giudiziaria della Polfer di Santa Maria Novella, impegnati in mirati servizi di contrasto al traffico di stupefacenti, intensificati da settimane negli scali ferroviari del capoluogo toscano.

Sono infatti diversi i casi di corrieri della droga intercettati dalla polizia al loro arrivo nella stazione di Firenze, poco dopo essere scesi da treni, per lo più ad alta velocità, provenienti dal sud Italia.

Alla bizzarra scoperta della droga nel succo di frutta è seguito naturalmente anche l’arresto del relativo corriere: questa volta a finire in manette, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, è stato un sedicente cittadino tunisino di 33 anni.

Domenica mattina, appena arrivato in stazione, l’uomo è stato subito fermato dopo aver attirato l’attenzione degli operatori con il suo continuo guardarsi intorno e gli evidenti segnali di nervosismo tipici – sulla base dell’esperienza degli investigatori – di chi nasconde qualcosa.

Con sé aveva solo uno zainetto con all’interno, tra le altre cose, il succo di frutta incriminato. Durante il controllo, appena i poliziotti hanno tirato fuori dal suo zaino quella sospetta confezione in tetrapak di spremuta 100% ananas da 750 ml, si sono subito accorti che qualcosa di solido e voluminoso sbatteva sulle pareti del cartone.

Dalla confezione sono saltati fuori ben 5 involucri di cocaina: quasi 300 grammi di droga che gli inquirenti ritengono avrebbero potuto verosimilmente fruttare sul mercato illecito degli stupefacenti una cifra intorno ai 30mila euro.

Sempre a Santa Maria Novella, ieri mattina gli stessi agenti della Polizia Ferroviaria di Firenze hanno arrestato un cittadino nigeriano di 24 anni sorpreso con oltre 400 grammi di marijuana trasportati all’interno di un vistoso zainetto rosso.

Arrivato in stazione a bordo di un altro treno ad alta velocità, l’uomo ha subito allungato il passo dirigendosi rapidamente verso i regionali in partenza; ma prima che potesse ripartire si è trovato di fronte la Polizia. E così, durante il controllo, è venuto fuori il motivo di tanta fretta. La droga era avvolta in un maglione.

Sempre nell’ambito dell’attività di contrasto agli stupefacenti, oltre ai sempre più frequenti arresti di corrieri in stazione e di pusher colti sul fatto, capita anche che durante i controlli i potenziali spacciatori vogliano farla franca liberandosi all’ultimo minuto dello scomodo carico. Prima di essere fermati dalle forze dell’ordine, con una mossa repentina, lasciano spesso cadere a terra la droga che portano addosso e che, se trovata dalla Polizia, li farebbe, senza dubbio, finire nei guai.

Uno di questi episodi è capitato proprio ieri pomeriggio intono alle 16, all’angolo tra via Sant’Agostino e via delle Caldaie, dove un cittadino libanese di 35 anni, appena si è trovato di fronte i poliziotti di quartiere, ha cominciato a correre gettando, durante la fuga, 4 dosi di eroina e 10 grammi di hashish, tirati fuori dalla tasca del giubbino.

La droga è stata recuperata dalla strada e subito sequestrata; il cittadino straniero, raggiunto poco dopo in via Romana, è stato invece denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Una scena simile si è ripetuta poche ore dopo in via Nazionale dove intorno alle 19 è scattata la stessa denuncia per un cittadino senegalese di 26 anni.

A differenza del 35enne fermato in via Romana, il giovane non ha tentato neanche di scappare: appena si sono avvicinanti, ancora una volta, i poliziotti di quartiere, ha buttato a terra una busta di plastica tirata fuori dalla tasca dei pantaloni. Nella busta c’erano 42 grammi di marijuana sequestrati sempre dalla Polizia.(AdnKronos)

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.