Camorra, sei fermi per estorsione a Napoli: trovato un pitone a casa di un 26enne

polizia-napoliNapoli, 26 mag – La Polizia di Stato del Commissariato di Scampia e gli agenti della Squadra Mobile di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emesso dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea, nei confronti di 6 indagati, tutti pregiudicati e ritenuti affiliati al gruppo camorristico dei Nappello, attivo nel quartiere di Miano.

Le indagini, concentrate sull’attività estorsiva dei gruppi criminali a Miano, avrebbero consentito di ricostruire il modus operandi degli estorsori, che, secondo le accuse, “taglieggiavano” imprenditori e commercianti e, talvolta, anche i loro dipendenti, avvalendosi del metodo intimidatorio tipico dei clan camorristici.

Alcune delle vittime sarebbero state costrette a corrispondere agli arrestati somme a titolo di “regalo” e qualcuno avrebbe dovuto addirittura chiudere l’attività per timore di ritorsioni, non riuscendo a corrispondere le ulteriori somme di denaro imposte dall’organizzazione.

I poliziotti, nel corso di perquisizioni domestiche a casa di un 26enne che figura tra i destinatari dell’ordinanza, hanno trovato un pitone di grosse dimensioni custodito all’interno di un terrario, illecitamente detenuto.

Il rettile è stato sequestrato ed è stato affidato a un’apposita ditta. Gli arrestati sono stati tutti portati nel carcere di Secondigliano.(Adnkronos)

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.