Traffico di cocaina Spagna-Italia: sgominata organizzazione a La Spezia

auto-gdf-romaLa Spezia, 5 mag – Un gruppo criminale che riforniva la piazza spezzina di ingenti quantità di stupefacenti è stato sgominato ieri dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di La Spezia. Le indagini, coordinate dal Procuratore capo della Repubblica, dott. Antonio Patrono, hanno permesso di individuare l’organizzazione, seguendo i loro spostamenti tra la Spagna e l’Italia.

Un’attività che ha consentito di individuare e delineare anche i ruoli svolti da ciascun membro della banda.

E ieri, dopo lunghi pedinamenti e servizi occulti, l’organizzazione di narcotrafficanti, capitanata da un ispanico noto con l’appellativo di “el principe”, è stata intercettata e inseguita in autostrada insieme ad una coppia di insospettabili italiani, residenti in città.

Al casello di Sarzana le due anonime utilitarie sono state prontamente fermate e gli occupanti immobilizzati e neutralizzati da una nutrita squadra di finanzieri che si era mimetizzata tra gli addetti al servizio dell’autostrada.

A seguito della perquisizione sono stati scoperti ben dieci chili di cocaina confezionata in modo “industriale” in circa 40 buste sottovuoto, un espediente utilizzato al fine di evitare il “fiuto” dei cani antidroga.

I successivi controlli nelle abitazioni dei fermati, tutti in città, hanno permesso di rinvenire ulteriori elementi utili per delineare le responsabilità della banda di trafficanti (telefoni cellulari e altra sostanza stupefacente).

Al termine delle operazioni, il Procuratore della Repubblica ha disposto che i fermati venissero associati al carcere di via Fontevivo, mentre la ragazza del gruppo a quello femminile di Genova-Pontedecimo.

Gli oltre 10 Kg di cocaina sequestrata, di ottima qualità e ancora da “tagliare”, avrebbero prodotto per i trafficanti un ricavo superiore ad un milione di euro attraverso la vendita al dettaglio.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.