Software per truccare la contabilità: la GdF denuncia 3 società leader nel settore

guardia-di-finanza-computerLecco, 7 mag – La Guardia di Finanza di Lecco, coordinata dalla Procura della Repubblica di Bergamo, ha individuato un sistema realizzato da tre società leader nel settore della produzione di software, per consentire a liberi professionisti l’occultamento di parte della contabilità.

Il programma era in grado di smistare, in base a percentuali stabilite dagli utilizzatori, la contabilità su diversi archivi paralleli: il primo, ufficiale, redatto con tutte le specifiche richieste dal Legislatore in materia; il secondo, nascosto dietro una complessa sequenza di comandi, teneva conto della parte degli incassi da sottrarre a tassazione.

Ulteriore “illecito valore aggiunto”: la cancellazione rapida dei dati contenuti nell’archivio nascosto, funzione da utilizzare per eliminare definitivamente o temporaneamente gli stessi in caso di una ispezione fiscale. E’ per questo che un controllo effettuato con le normali modalità ispettive difficilmente avrebbe potuto smascherare il trucco.

Inoltre, le software house, per rendere il prodotto ancora più allettante, fornivano un servizio di assistenza comprensivo di “hosting” ( = ospitalità) della contabilità parallela. Solo grazie alla connotazione di polizia investigativa nel settore economico-finanziario consolidata negli anni dalla Guardia di Finanza, unitamente all’utilizzo dei più moderni sistemi informatici, ha permesso di individuare il sistema fraudolento e smascherare sia i fornitori che gli utilizzatori.

I finanzieri hanno quindi segnalato all’Autorità Giudiziaria per frode informatica le società produttrici dei software e per occultamento e distruzione di documenti contabili i professionisti coinvolti.

Adesso la contabilità “in nero” rinvenuta sia presso i singoli professionisti, sia archiviata dalle software-house, verrà presa a base per ricostruire l’effettiva capacità contributiva dei liberi professionisti.

I professionisti che utilizzavano il software illegale finora scoperti sono circa 380 ma – come spiega la Guardia di Finanza di Lecco – è facile immaginare che il numero potrebbe aumentare. Le software house coinvolte hanno sede a Ragusa, Milano e La Spezia.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.