Roma, sequestro da 70 milioni per un imprenditore. Anche un’imbarcazione appartenuta a Mussolini

Finanza_barca_MussoliniRoma, 26 mag – Rintracciata in Spagna, nel porto di Valencia, e ricondotta in Italia la “Fiamma Nera”, l’imbarcazione appartenuta a Benito Mussolini, sottoposta a sequestro di prevenzione nell’ambito di una complessa indagine del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia capitolina.

Gli accertamenti economico – patrimoniali delle Fiamme Gialle della Compagnia di Fiumicino svolti nei confronti di un imprenditore di origini campane ma insediato da tempo nella Capitale, «hanno permesso – spiega la Guardia di Finanza in una nota – di delinearne la pericolosità sociale e la grande sproporzione tra i redditi dichiarati e l’elevato tenore di vita, frutto di una carriera criminale basata su ingenti evasioni fiscali, bancarotte fraudolente a catena e truffe», scrivono i finanzieri.

All’esito di questi accertamenti, il Tribunale Ordinario di Roma – Sezione Misure di Prevenzione ha disposto il sequestro dell’immane patrimonio accumulato dall’imprenditore, valutato oltre 70 milioni di euro, anche se molti beni erano stati intestati a prestanome.

Tra i beni sequestrati e affidati alla gestione dell’Amministratore Giudiziario nominato dal Tribunale, «figurano alcuni immobili concessi in locazione alla cooperativa “Domus Caritatis”, legalmente rappresentata da Tiziano Zuccolo – spiegano le Fiamme Gialle – nonché al consorzio di cooperative sociali “Eriches 29” di Salvatore Buzzi, tra i principali indagati nella nota inchiesta “Mafia Capitale”», otre ad alcuni vani di un castello, locali del “Palazzo Noccioli” a Fiumicino, diverse tenute, appartamenti, uffici, negozi e terreni a Roma, autovetture di lusso e, appunto, la “KONIGIN II”, imbarcazione tedesca dei primi del ‘900, arrivata ieri sera, in perfette condizioni di manutenzione, nel Porto Turistico di Ostia.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.