Ragusa, estorsione al mercato ortofrutticolo di Vittoria: due arresti

Catania_Estorsioni_mercatoCatania, 27 feb – Estorsione aggravata dal metodo «mafioso» al mercato ortofrutticolo di Vittoria (Ragusa). Con queste accuse, nelle scorse ore, su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, i finanzieri del Comando Provinciale locale hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere (emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Catania) nei confronti di due soggetti per fatti accertati a partire dal febbraio 2015: Matteo Di Martino (53 anni), conosciuto come Salvatore, e Pietro Di Pietro (54), entrambi ritenuti dagli inquirenti vicini alla Stidda e a Cosa Nostra, nonché in stretti rapporti d’affari con il clan dei Casalesi.

Secondo le indagini, Di Pietro, esecutore materiale, e Di Martino, organizzatore, avrebbero costretto gli autotrasportatori, provenienti o diretti in Campania e incaricati di caricare/scaricare la merce dal mercato di Vittoria, a pagare una «mazzetta» tra i 50 e 100 euro per ogni operazione di carico/scarico dei prodotti ortofrutticoli.

«Le vittime delle estorsioni versavano in un grave stato di assoggettamento creato dagli stretti e risalenti rapporti dei due arrestati con mafia e camorra» – spiegano gli inquirenti – Di Pietro, sfruttando la consapevolezza dei «padroncini» di dover versare il «ciociò», non avrebbe dovuto ricorrere neanche a minacce o violenze esplicite essendo ben note ai più quali sarebbero state le ritorsioni «economiche» che le vittime avrebbero scontato in caso di rifiuto.

Queste ultime sarebbero andate incontro, infatti, a pretestuosi ritardi nelle operazioni di carico/scarico fino anche a far deperire la merce. Il clima d’intimidazione mafiosa si esprimeva – dicono sempre gli inquirenti – anche nella pretesa di omertà delle vittime che venivano pesantemente redarguite qualora avessero versato il denaro «pubblicamente».

Chi sono gli arrestati. Di Martino è il titolare dell’omonima ditta individuale nonché rappresentante legale della «Sud Express Matteo Di Martino SRL», mentre il cognato Di Pietro collabora nella gestione delle due imprese. La Sud Express di Di Martino è un’agenzia che dal 1978 si occupa dei trasporti su strada dei prodotti ortofrutticoli da caricare/scaricare nel mercato di Vittoria. Gli operatori economici costretti a pagare il «pizzo» – secondo le indagini – erano tenuti a corrispondere all’agenzia vittoriese anche una provvigione che veniva regolarmente fatturata.

Attività tecniche, l’esame di documentazione contabile, le dichiarazioni delle vittime delle estorsioni, le risultanze di diverse indagini della DDA di Napoli (c.d. Operazione Sud Pontino) mirate a far luce sulle infiltrazioni camorristiche nel mercato di Fondi e sui patti economici stretti tra i Casalesi e i Di Martino (nonché le informazioni assunte da più collaboratori di giustizia) hanno consentito ai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria (GICO Catania), sotto la direzione della Procura della Repubblica di Catania, di costruire un grave quadro indiziario a carico degli arrestati.

Le estorsioni riscontrate a danno di autotrasportatori campani segnalano l’esistenza di un fenomeno diffuso e strutturale non limitabile ai singoli episodi contestati. Va aggiunto – spiegano gli inquirenti – che è stata acquisita notizia di altre estorsioni praticate a danno di soggetti non ancora identificati e che alcune vittime hanno preferito, a dispetto degli elementi indiziari raccolti dalle Fiamme Gialle di Catania, non ammettere il pagamento del cosiddetto «babà».

Con il medesimo provvedimento cautelare, i Finanzieri di Catania hanno sottoposto a sequestro preventivo sia la Sud Express che la ditta individuale Di Martino Matteo al fine di evitare che la pratica estorsiva oggetto di indagine possa proseguire attraverso le stesse imprese.

Va ricordato che il mercato ortofrutticolo di Vittoria, secondo l’ultimo Rapporto sulle Agromafie, presenta, a livello nazionale, il più alto indice di infiltrazione mafiosa e, per la sua estensione (246000 mq e oltre 70 box operativi) e volume di compravendite, è il secondo mercato agricolo d’Italia. Si tratta, dunque, di una
realtà economica di primissimo piano che attrae fortemente le imprese «mafiose».

L’indagine in rassegna, convenzionalmente denominata «Truck Express», ha dunque consentito di colpire un settore economico rilevante strettamente connesso al mercato ortofrutticolo di Vittoria: l’effetto diretto che si registra a seguito della penetrazione mafiosa nel settore è un danno consistente per produttori e consumatori in quanto i primi non sono adeguatamente remunerati e i secondi sono costretti a fronteggiare un’anomala lievitazione dei prezzi.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.