“Associazione Sportiva” sulla carta, night club nella realtà. La scoperta della Finanza in provincia di Biella

finanza-auto-fiancataBiella, 8 giu – Sulla carta un’associazione sportiva, in realtà un night club che ha evaso più di mezzo milione di euro. È quanto hanno scoperto in provincia di Biella i Finanzieri della Sezione Operativa della locale Compagnia.

Divanetti, tavolini, bancone da bar, zone privé con luce soffusa, palchetto per eventuali esibizioni e palo per la lap-dance: quando sono entrati per un controllo in piena notte, i militari hanno capito subito che nell’Associazione Sportiva Dilettantistica veniva svolta proprio un’altra attività.

La riqualificazione ad “ente commerciale”, una vera e propria impresa operante nel settore degli intrattenimenti, ha comportato il recupero a tassazione di circa 550.000 euro di ricavi e 120.000 euro di IVA.

Questo è il caso più emblematico delle scoperte fatte negli ultimi mesi, a seguito di capillari controlli e serrate indagini di polizia economico-finanziaria, dai Finanzieri della Sezione Operativa della Compagnia della Guardia di Finanza di Biella: operazioni che hanno permesso di mettere in luce «diverse attività commerciali abusive, operanti nel settore dello sport dilettantistico, nell’ambito del territorio del distretto laniero». Vere e proprie imprese “travestite”, in sostanza, da associazioni senza fini di lucro con l’obiettivo di usufruire indebitamente del regime di tassazione agevolata.

«La normativa fiscale, per le “associazioni sportive e culturali”, consente di accedere ad un particolare regime agevolativo – spiegano le Fiamme Gialle -. Per tale ragione, da qualche tempo, proliferano circoli e associazioni culturali, sportive e di promozione sociale che mascherano redditizie attività commerciali svolte completamente “in nero”».

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.