Lecco, ricevono assegni sociali senza averne diritto: scoperti 25 “falsi poveri”

finanza-auto-fiancataLecco, 9 mag – Venticinque “falsi poveri” che percepivano assegni e contributi assistenziali senza averne diritto sono stati scoperti e denunciati nelle scorse ore dalla Guardia di Finanza di Lecco. L’operazione è il frutto delle indagini dirette e coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecco, nella persona del Sostituto Procuratore Paolo Del Grosso.

I finanzieri lecchesi hanno accertato l’erogazione da parte dell’INPS di prestazioni assistenziali a favore di persone che, in modo fraudelento, dichiaravano di trovarsi in condizioni economiche disagiate e in stato di povertà.

Dei 25 indagati, 6 sono italiani; i restanti 19, invece, cittadini extra-UE che, pur vivendo nel paese d’origine, dichiaravano di risiedere in Italia al solo scopo di ottenere l’erogazione dell’assegno sociale.

I militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Lecco hanno pertanto provveduto a segnalare i responsabili all’Autorità giudiziaria per indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato.

Il GIP del Tribunale di Lecco ha già disposto diversi sequestri preventivi che i finanzieri hanno eseguito sui beni degli interessati, con la conseguente revoca dell’agevolazione economica.

Le Fiamme Gialle hanno stimato in circa mezzo milione di euro il danno cagionato allo Stato e alla collettività dalle indebite erogazioni.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.