Lecce, frode nei finanziamenti antiracket: 4 arresti e 40 indagati [VIDEO]

Finanza_Lecce_frodeLecce, 12 mag – Quattro persone sono state arrestate dalla Guardia di Finanza in un’inchiesta della Procura di Lecce che vede in tutto una quarantina di persone indagate per una frode finalizzata ad ottenere un finanziamento di due milioni di euro destinato alle vittime del racket e dell’usura.

A vario titolo, sono contestati i reati di truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche, concussione, corruzione e falso. Tra gli arrestati anche la presidente di un’associazione che gestisce sportelli antiracket e antiusura.

Sono state eseguite in tutto quattro misure cautelari agli arresti (una in carcere, tre ai domiciliari), è stata notificata l’interdizione dai pubblici uffici a sette persone ed è stato disposto un sequestro di due milioni di euro.

L’associazione, sulla base di una convenzione firmata nel 2012 con l’ufficio del commissario antiracket del Ministero dell’Interno, gestisce tre sportelli a Lecce, Brindisi e Taranto, con il fine di prestare assistenza alle vittime e favorire l’accesso ai finanziamenti previsti dal Fondo di solidarietà.

Secondo l’accusa, la frode è consistita in attività di fittizia rendicontazione di spese per il personale, l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti sull’acquisizione di beni e servizi tra cui la realizzazione di lavori presso gli sportelli di assistenza, la rendicontazione di spese per viaggi e trasferte mai eseguite, la falsa attestazione del raggiungimento degli obiettivi richiesti dal progetto in termini di assistenza ai nuovi utenti e numero di denunce raccolte.(Adnkronos)


Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.