Forlì, maxi-evasione da 100 milioni scoperta dalla Guardia di Finanza

Finanza_ForlForlì, 3 mar – Ricavi per oltre 100 milioni. È quanto una società «esterovestita» attiva nel settore del trading di prodotti elettronici ed informatici avrebbe sottratto alla tassazione. La società è stata scoperta, nell’ambito della lotta all’evasione fiscale internazionale, dalla Guardia di Finanza di Forlì.

Le attività investigative del Nucleo di Polizia Tributaria, iniziate nel 2016, avrebbero dimostrato come la società, localizzata in Irlanda, sia stata in realtà gestita sin dal 2011 (anno della sua costituzione) da un cesenate, M. P. di 35 anni, che ha operato in Italia in completa evasione d’imposta, avvalendosi di una sede operativa a Cesena.

È stato proprio qui che, durante l’accesso, i finanzieri hanno rinvenuto documentazione, timbri e carteggi della società irlandese e, esaminando i PC utilizzati dal rappresentante legale, hanno trovato tutti i file relativi alla gestione della società, comprese le disposizioni impartite per l’acquisto e la vendita dei prodotti informatici.

Le merci – spiegano le Fiamme Gialle – venivano stoccate in diversi magazzini dell’Est Europa (Polonia e Repubblica Ceca) e rivendute a società sparse su tutto il territorio europeo (principalmente in Lettonia, Lituania, Romania, Bulgaria e, in piccola parte, anche in Italia).

Nonostante l’applicazione di un ricarico minimo per ogni singola transazione, il volume d’affari della società, rilevato dai militari soprattutto negli ultimi tre anni, ha evidenziato un ammontare delle cessioni annue pari a circa 40 milioni di Euro.

La fittizia localizzazione della residenza fiscale in Irlanda avrebbe consentito alla società di sottrarsi agli adempimenti tributari previsti dall’ordinamento italiano e di beneficiare illegittimamente di un regime impositivo più favorevole.

Il fenomeno dell’esterovestizione, infatti, si realizza quando un ente societario, seppur denunciando la sede formale all’estero, al verificarsi di determinati presupposti, espressamente indicati dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi, deve considerarsi fiscalmente residente nel territorio dello Stato italiano.

Pertanto, al configurarsi dei requisiti sulla residenza disposti dalla normativa, il rappresentante legale della società è stato denunciato alla locale Autorità Giudiziaria per il reato di «Omessa dichiarazione» avendo superato la soglia di 50.000 euro di imposte evase.

La Procura della Repubblica di Forlì, nella persona della Dott.ssa Francesca Rago, sostituto procuratore, ha già concluso le indagini preliminari e si appresta a chiedere il rinvio a giudizio.

Sebbene questo fenomeno, alla stregua dell’evasione nonché dell’elusione fiscale, venga attuato con modalità che possono variare da caso a caso, perfezionandosi e divenendo progressivamente sempre più complesse e sofisticate, ancora una volta non è sfuggito alla rilevazione della Guardia di Finanza.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.