Foggia, intasca la pensione della mamma morta: arrestato un 60enne di San Severo

auto-finanza-117Foggia, 7 mar – La mamma era morta da due anni, ma lui continuava ad incassare la sua pensione. Con questa accusa, i Finanzieri del Comando Provinciale di Foggia hanno tratto in arresto in flagranza di reato un sessantenne di San Severo per l’ipotesi di truffa aggravata ai danni dello Stato.

I militari, nell’ambito della costante attività di contrasto alle truffe perpetrate a danno dell’INPS, hanno appurato che R. F., di anni 64, originario di San Severo, ha omesso di segnalare il decesso della madre, avvenuto nel mese di marzo del 2015, titolare di una pensione di anzianità e di una di reversibilità.

Così facendo, i ratei delle pensioni spettanti, pari a circa 2.500 euro mensili, erano regolarmente accreditati, il primo giorno di ogni mese, su un conto corrente bancario cointestato con la defunta.

Gli accertamenti bancari svolti hanno evidenziato come l’importo della pensione, a distanza di pochi giorni dal pagamento delle competenze, venisse sistematicamente prelevato mediante operazioni bancomat.

Ed infatti, in concomitanza con l’accredito del trattamento pensionistico del mese di marzo, l’indagato si è puntualmente recato allo sportello bancario automatico nei pressi della propria abitazione per effettuare il “consueto” prelievo.

Dopo aver accertato, nell’immediatezza, che l’importo prelevato fosse inequivocabilmente riconducibile all’indebito accredito del trattamento pensionistico, i finanzieri hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato di R.F..

La successiva perquisizione domiciliare ha consentito di acquisire ulteriori elementi a supporto dell’ipotesi contestata.

Lo sviluppo di ulteriori approfondimenti investigativi, svolti in collaborazione con l’I.N.P.S. e con l’istituto bancario interessato, hanno consentito di quantificare in oltre 65.000 euro l’importo del trattamento previdenziale erogato a favore della defunta ed indebitamente incassato dal figlio.

R.F. è stato associato alla Casa Circondariale di Foggia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che ha convalidato l’arresto.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.