Finanza: a Torino sequestrate tonnellate di cosmetici velenosi

finanza-torino-cosmeticiTorino, 19 mar – I Baschi Verdi del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Torino hanno concluso ieri un’importante operazione nel settore della saluta pubblica, sequestrando e togliendo dal mercato migliaia di cosmetici pericolosi, al termine di una complessa ed articolata attività investigativa coordinata dal Pubblico Ministero Alessandro Aghemo della Procura della Repubblica di Torino.

Il servizio ha avuto origine dalla individuazione tra gli scaffali di numerosi negozi del capoluogo torinese specializzati nella vendita di prodotti etnici, di creme sbiancanti importate prevalentemente da paesi africani e contenenti sostanze dannose alla salute quali lo ioduro mercurico e l’idrochinone.

Molte delle confezioni riportavano la dicitura “poison contient mercure iodide” (veleno contenente ioduro mercurico), ma l’assenza di traduzione in lingua italiana non consentiva una reale percezione della tossicità del prodotto.

Attraverso gli approfondimenti investigativi svolti nei confronti dei 13 titolari dei negozi torinesi coinvolti nella vendita di tali prodotti, tutti concentrati in quartiere “Aurora”, si ripercorreva a ritroso la catena di distribuzione fino a risalire al fornitore dei prodotti pericolosi, una società con sede nell’interland milanese. Si procedeva pertanto alla perquisizione dei locali della società e venivano rinvenuti e sottoposti a sequestro due tonnellate e mezzo di prodotti sbiancanti nocivi per la salute dei consumatori. Tra i prodotti sequestrati si evidenziano gel, creme e lozioni di diverso genere realizzate con diversi principi attivi contenenti sostanze pericolose per la salute come il mercurioo principi attivi impropriamente utilizzati come il clobetasolo, il betametasone e l’idrochinone.

La titolare della ditta distributrice, G.L.Z. di anni 40, è ora indagata per i reati di immissione in commercio di medicinali e prodotti cosmetici dannosi, nonché di esercizio abusivo della professione di farmacista. Il fenomeno riguarda la pratica dello sbiancamento cutaneo che è diffusa in molti paesi e può essere definita come l’uso abitudinario, a fini estetici, di sostanze in grado di ridurre l’intensità della pigmentazione di una cute naturalmente scura.

Le sostanze contenute in queste creme, sottolinea l’AIFA (Agenzia Italina del Farmaco), non sono pericolose solo a livello cutaneo ma, dato che i principi attivi assorbiti tramite la pelle arrivano all’interno dell’organismo, possono comportare problemi di tipo ormonale, ipertensione e diabete. I numeri della diffusione di questi prodotti tra donne immigrate sono impressionanti. Secondo i dati di uno studio dell’Istituto Superiore di Sanità, il 40% di quelle sotto i 35 anni e 30 % sopra quell’età ne fa uso, spesso cospargendo regolarmente tutto il corpo.

La commercializzazione e l’importazione di prodotti cosmetici contenenti mercurio è vietata nell’intera Europa tuttavia è ancora attivo un mercato illegale parallelo proveniente dai paesi africani. Contro l’utilizzo di questi prodotti sono state attivate numerose campagne pubblicitarie volte ad informare i consumatori sul divieto di commercializzazione e sui reali rischi alla salute che comporta il prolungato utilizzo degli stessi.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.