Ferrara, la Finanza sequestra 223 appartamenti a Lido Pomposa

Finanza_FerraraFerrara, 13 mar – Maxisequestro della Tenenza della Guardia di Finanza di Comacchio (Ferrara), che ha messo i sigilli a 223 appartamenti del complesso residenziale ”Regina Mare”, in località Lido Pomposa a Comacchio, di proprietà di due società immobiliari locali.

L’azione di oggi è il frutto di un’attività d’indagine nel settore urbanistico, avviata dai militari della tenenza, che ha visto lo scorso gennaio la condanna in primo grado, da parte del Tribunale di Ferrara, alla pena di un anno di arresto e 20.000 euro di ammenda, di tre persone (rappresentante legale della società committente dei lavori, progettista del residence e dirigente del Settore Urbanistica del Comune di Comacchio) «per la ‘lottizzazione abusiva’ dell’area oggetto dell’intervento edilizio», ha spiegato la Guardia di Finanza in una nota.

A seguito della pronuncia di condanna il Tribunale di Ferrara ha accolto la richiesta della Procura, disponendo il sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, di una parte degli immobili situati nell’area di oltre 65.000 mq. Il valore dei beni sequestrati ammonta a oltre 20 milioni di euro.

Le contestazioni in sede di dibattimento riguardavano, in particolare, «il rilascio – da parte del dirigente comunale alla società proprietaria dell’area – di illegittimi permessi di costruire per la realizzazione del complesso residenziale», ha sottolineato la Guardia di Finanza.

L’illegittimità si fondava «sulla mancata conformità dei permessi alle direttive dei piani urbanistici sovraordinati regionali e provinciali riguardanti la tutela delle zone urbanizzate in ambito costiero e al Piano Regolatore del Comune di Comacchio», hanno proseguito le Fiamme Gialle.

Il Piano Urbanistico Esecutivo “Regina Mare” non avrebbe rispettato le previsioni minime di edificazione in materia di salvaguardia della morfologia litoranea comportando una riduzione di oltre 22.000 mq delle aree destinate al soddisfacimento della collettività (parchi, percorsi e spazi per la sosta pedonali e ciclabili, zone destinate al tempo libero, ecc.), utilizzati invece per la costruzione dell’opera edilizia.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.