Cosenza, scoperta discarica abusiva con 58 tonnellate di rifiuti speciali

Finanza_Cosenza_discaricaCosenza, 16 mag – Una discarica abusiva è stata scoperta dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Cosenza. Nel corso delle ordinarie attività di controllo economico – finanziario del territorio, i militari hanno individuato e sottoposto a sequestro l’area. All’interno è stato rinvenuto materiale edile di scarto: vetro, alluminio e guaine bituminose in avanzato stato di decomposizione.

Circa 58 tonnellate i rifiuti speciali abbandonati. Il terreno è situato in un Comune dell’Alto Tirreno cosentino (CS), noto per le sue bellezze e attrazioni turistiche.

Al fine di individuare i responsabili degli abbandoni, le Fiamme Gialle hanno effettuato appostamenti, anche in orari notturni, che hanno consentito di vedere una persona che, ripetutamente e tramite alcuni mezzi di trasporto, raccoglieva rifiuti e resti di attività industriali ed edili abbandonandoli illecitamente nel terreno.

L’area è stata posta immediatamente sotto sequestro e il responsabile delle violazioni contestate è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per “Attività di gestione di rifiuti non autorizzata”.

Il terreno di deposito dei rifiuti è risultato di proprietà di una società immobiliare, «tenuta ad effettuare le operazioni di rimozione, di recupero, smaltimento dei rifiuti, nonché di bonifica e di rispristino dello stato dei luoghi in solido l’amministratore condominiale, reo dell’illecito abbandono dei detriti, così come previsto dall’art. 192, comma 3 del D.Lgs. 152/2006», spiega la Guardia di Finanza.

Le operazioni necessarie saranno disposte con un’ordinanza del Sindaco del Comune interessato che fisserà il termine entro cui provvedere, decorso il quale si procederà all’esecuzione in danno dei soggetti obbligati.

In seguito al deferimento presso la Procura della Repubblica, l’autore del reato rischia l’arresto da 1 anno a 3 anni e un’ammenda fino a 52.000 euro.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.