Corruzione, Guardia di Finanza: arrestato il prefetto di Benevento

prefetto-beneventoRoma, 15 apr – I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli (Nucleo di Polizia Tributaria), sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Avellino, hanno dato esecuzione – nelle prime ore della mattinata odierna – ad un’ordinanza impositiva degli arresti domiciliari emessa dal GIP presso il Tribunale irpino nei confronti di quattro persone: l’attuale Prefetto della città di Benevento, Ennio Blasco, e tre imprenditori originari del nolano operanti nel settore della vigilanza privata.

Le misure sono state disposte in relazione a fatti di corruzione posti in essere nell’ambito delle procedure in tema di “certificazione antimafia” nel periodo 2009 – 2011, allorquando l’alto funzionario pubblico ricopriva la carica di Prefetto di Avellino.

Gli imprenditori sono Carmine e Carlo Buglionedi Nola (Napoli). Blasco è stato viceprefetto a Napoli e poi prefetto a Isernia, Avellino e Benevento. Secondo l’accusa Blasco avrebbe favorito le imprese di vigilanza privata dei fratelli Buglione ed avrebbe accettato in cambio gioielli, viaggi, un’auto con autista per i suoi spostamenti e finanche il pagamento di spese di lavanderia. È quanto emerge dalle indagini del Nucleo di Polizia giudiziaria della Guardia di Finanza di Napoli che ha eseguito un’ordinanza della Procura di Avellino agli arresti domiciliari nei riguardi di Blasco.

Fra le persone coinvolte c’è anche Antonio Buglione: fu rapito nel 2010 da una banda di sardi e poi liberato. Le indagini della Guardia di Finanza partirono proprio per verificare il pagamento o meno di un riscatto. Antonio Buglione, l’imprenditore rapito nel 2010 è indagato (e non è stato arrestato come in un primo momento si era appreso) nell’ambito dell’inchiesta. Una misura cautelare è stata invece notificata a Erasmo Caliendo, cognato di Carlo Buglione, fratello di Antonio e anch’egli arrestato oggi. Caliendo sarebbe stato – secondo gli investigatori – in stretto collegamento con il prefetto.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.