Brescia: frode fiscale da 19 milioni in Valcamonica. La Finanza scopre giro di fatture false

Brescia, 9 ott – Gli affiliati erano uniti da stretti vincoli familiari, così da garantire “l’impermeabilità della struttura criminale”. Ma prestanomi e fatture inesistenti non sono sfuggiti alla Guardia di Finanza di Pisogne, un piccolo Comune della Valcamonica, 8.000 abitanti: dopo mesi di indagini e riscontri contabili, i finanzieri, coordinati dal comando provinciale di Brescia, hanno denunciato i rappresentati di varie società coinvolte in una frode fiscale da 19 milioni di euro.

In particolare, la Finanza ha scoperto due società cartiere o “di comodo” che, dal 2012 al 2016, hanno emesso fatture per operazioni inesistenti nel settore del commercio di rottami ferrosi, ma erano prive di qualsiasi consistenza patrimoniale . Il gruppo, che si avvaleva di compiacenti prestanome, consentiva così di fare acquisti in nero a numerose società della provincia di Brescia.

I rappresentanti di diritto e di fatto delle diverse società coinvolte nella frode sono stati denunciati per l’emissione e l’utilizzo di fatture false e per distruzione o occultamento della documentazione contabile.(AdnKronos)

Sommario
Brescia: frode fiscale da 19 milioni in Valcamonica. La Finanza scopre giro di fatture false
Article Name
Brescia: frode fiscale da 19 milioni in Valcamonica. La Finanza scopre giro di fatture false
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo
Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.