Bari, trasportavano quattro clandestini nel camion frigo: arrestati due camionisti

Finanza_Bari_CamionBari, 6 mar – Trasportavano quattro clandestini nel camion frigo insieme alle arance i due camionisti arrestati nelle scorse ore a Bari. Ad entrare in azione, nell’ambito del rafforzamento delle misure di sicurezza e controllo all’interno del Porto di Bari, i Finanzieri del Gruppo Bari insieme ai Funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e alla Polizia di Frontiera.

Il reato contestato ai due camionisti, uno di origine ucraina e l’altro bielorussa, è quello di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina aggravata.

L’operazione è scaturita dal controllo di un autoarticolato con motrice lituana e rimorchio danese, appena sbarcato nell’area portuale dalla motonave proveniente dalla Grecia, traboccante di arance destinate in Danimarca, stipate ordinatamente all’interno della cella frigorifera.

L’attenzione degli operanti si è concentrata su alcuni elementi di sospetto e l’esame del mezzo, con l’apparecchiatura radiogena SILHOUETTE SCANNER in uso al locale Ufficio delle Dogane, ha permesso di scoprire che, insieme alle arance, sul camion erano presenti alcuni clandestini.

Dopo aver spostato numerosi pallet di casse è stato individuato infatti un piccolo spazio (pari a circa un metro quadrato) al centro della cella frigorifera, chiuso, nella parte superiore, con travi di legno e ulteriori casse di arance, dove erano nascosti, infreddoliti, tra poche coperte, due adulti iraniani e due minori afgani.

I quattro, apparsi provati, sono stati immediatamente soccorsi. Gli adulti hanno fatto immediata richiesta di asilo politico, mentre i due minori sono stati affidati ai servizi sociali della città di Bari.

I due autotrasportatori, su conforme parere del Pubblico Ministero di turno presso il Tribunale di Bari, sono stati tratti in arresto per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina aggravata ed associati presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.