Travolse e uccise brigadiere a posto blocco: condannato a 12 anni

carabinieri_ospedaleBusto Arsizio (Varese), 14 mag. – Si è concluso con la condanna a 12 anni e 4 mesi di carcere per omicidio colposo, resistenza e omissione di soccorso il processo con rito abbreviato nei confronti di Paolo Bottigelli , il 40enne tossicodipendente che era accusato di omicidio volontario per aver travolto e ucciso a un posto di blocco il brigadiere dei carabinieri Giorgio Illuminoso impegnato in un servizio antirapina la sera del 26 gennaio dello scorso anno. Il militare morì il 5 febbraio successivo dopo 10 giorni di agonia. Secondo la Procura non vi erano dubbi sulla volontarietà dell’imputato nel travolgere il carabiniere che gli aveva imposto l’alt subito dopo essere sbucato da una stradina boschiva di Origgio (Varese) e il pm Roberto Pirro aveva sollecitato la condanna a 30 anni. Ma il Gup del Tribunale di Busto Arsizio, Patrizia Nobile, non accolto la richiesta, ritenendo che la morte del militare fu conseguenza di altro reato. Sostanzialmente per il Gup l’uomo travolse con l’auto il brigadiere non con l’intento di farlo ma nel tentativo di fuggire e, quindi, nell’opporre resistenza a pubblico ufficiale nel tentare di forzare il posto di blocco. Gli avvocati di parte civile fanno già sapere che con tutta probabilità faranno ricorso in Appello, come pure i difensori dell’imputato che auspicavano una pena inferiore a quella inflitta. Alla lettura del dispositivo di sentenza erano presenti il padre, il fratello e la moglie della vittima. (AGI) ico_commenti Commenta

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.