Trapani, tentata estorsione: arrestato 57enne di Alcamo

Carabinieri-AlcamoTrapani, 27 apr – Tentata estorsione. Con questa accusa, i Carabinieri della Compagnia di Alcamo (Trapani), guidati dal Capitano Giulio Pisani, hanno arrestato Lorenzo Poma, 57enne di Alcamo.

L’uomo, «già sorvegliato speciale di pubblica sicurezza», tra la fine del 2014 e la prima metà del 2015, secondo gli investigatori, si sarebbe reso «protagonista di diversi tentativi di estorsione in danno di una ditta di Roma e di una di Catania incaricate di lavori pubblici all’interno del comune di Custonaci», si legge in un comunicato degli uomini dell’Arma.

Secondo le accuse, avrebbe tentato «più volte di estorcere denaro ai rappresentanti delle ditte in questione a cui furono dirette minacce anche mediante il rinvenimento di liquido infiammabile nei mezzi di cantieri», scrivono i Carabinieri nella nota spiegando che, oltre al denaro, avrebbe preteso «dai titolari delle due ditte posti di lavoro in favore di alcuni suoi parenti».

Le indagini del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Alcamo hanno portato così al fermo di Poma, ritenuto dagli inquirenti uno degli autori dei fenomeni estorsivi, arrestandolo, assieme ad Antonino Barone, 70 anni, in esecuzione di un ordine di custodia cautelare emesso dal Tribunale di Trapani nel giugno del 2015.

Ieri, al termine del processo, sempre su ordine del tribunale locale, Poma è stato nuovamente arrestato dai Carabinieri «per scontare oltre due anni di reclusione all’interno della casa circondariale trapanese», concludono gli uomini dell’Arma.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.