Torino: sequestrate armi e pettorine delle forze dell’ordine, un arresto

carabinieri-sequestro-armi-pettorineTorino, 8 ott – I carabinieri della compagnia di Ivrea hanno arrestato per detenzione illegale di parti di armi da guerra e munizioni, alterazione di un’arma, detenzione abusiva di arme e munizioni, ricettazione e possesso e fabbricazione di documenti d’identificazione falsi P.E.B., pregiudicato di 53 anni, abitante a Ivrea. I militari, nel corso di una perquisizione a casa dell’uomo, hanno rinvenuto e sequestrato:

  • Una pistola 98f 9×21 con caricatore e 15 cartucce stesso calibro;
  • una canna per pistola cal. 9×21 priva di matricola;
  • una paletta in alluminio, priva di matricola, raffigurante il simbolo della repubblica italiana e la scritta “carabinieri”;
  • 2 caricatori per pistola beretta contenenti ciascuno 15 proiettili cal. 9×19;
  • 58 proiettili cal. 9×19;
  • 6 cartucce cal .12;
  • una carta d’identità rilasciata dal comune di Gaby (AO) e intestata a un romeno e una tessera sanitaria;
  • una carta d’identità rilasciata dal comune di Sciolze (TO) e intestata a un torinese e un codice fiscale;
  • 9 porta tesserini contenenti distintivi di varie forze di polizia e copia falsa della tessera della Polizia di Stato con la foto e dati dell’uomo; della vigilanza venatoria e relativo tessera della provincia di Torino; distintivo di “private detective” contenente tessera di riconoscimento ditta “Allsistem” e dati dell’arrestato;
  • 4 pettorine di cui due con stemma e scritta “Carabinieri”, una della “Polizia municipale”, una della “Guardia di Finanza”;
  • un lampeggiante di colore blu a presa magnetica;

Dopo le formalità di rito, l’arrestato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato ristretto presso la casa circondariale di Ivrea.

Da successivi accertamenti è emerso che la pistola 98F era stata denunciata smarrita da P.E.B. al commissariato di p. s. di Ivrea, mentre le carte d’identità e i codici fiscali erano stati denunciati smarriti dai rispettivi titolari. L’uomo in passato era stato titolare di un’armeria sita ad Ivrea.

Le attività d’indagine condotte dai Carabinieri, sotto la direzione e il coordinamento della Procura di Ivrea, dovranno stabilire se e quando siano state utilizzate le armi, i documenti falsi, i tesserini e le pettorine delle forze dell’ordine.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.