Stanchi di aspettare l’autobus rubano un’auto. Arrestati dai carabinieri

ladri-stanchiPalermo, 29 mag – Erano stanchi di aspettare l’autobus e così hanno deciso di rubare un’autovettura, una vecchia Fiat Punto, pertanto sono saliti a bordo e sono partiti in direzione Palermo.

Questa vicenda singolare accaduta a Petralia Sottana (PA), nel parcheggio dell’ospedale “Madonna dell’Alto”. I protagonisti sono un uomo ed una donna, uno residente a Isola delle Femmine e l’altra a Palermo, che in mattinata si sono recati presso la struttura ospedaliera per fare alcuni accertamenti ma al termine, stanchi di aspettare l’arrivo dell’autobus che li avrebbe portati a casa, hanno pensato di rubare un’autovettura parcheggiata proprio davanti al pronto soccorso dell’ospedale.

Il veicolo, tra l’altro, era stato lasciato con gli sportelli aperti e la chiave inserita nel quadro d’accensione, quindi è stato facile per i due raggiungere lo scopo.

Nel frattempo il proprietario della Fiat Punto, che in quel momento si trovava presso la struttura ospedaliera per altre incombenze, raggiunto il parcheggio si è accorto con amara sorpresa che la sua autovettura era stata rubata e pertanto segnalava il fatto alla Centrale Operativa dei Carabinieri di Petralia Sottana.

L’operatore della Centrale, ricevuta la segnalazione, allertava subito le pattuglie sul territorio e dopo alcuni minuti, un equipaggio del Nucleo Radiomobile intercettava in Contrada Donalegge, sulla SS 120, il veicolo asportato che viaggiava a forte velocità verso il bivio “Tremonzelli”.

I militari raggiungevano e bloccavano immediatamente il mezzo ed i suoi occupanti che una volta fermati si giustificavano in questo modo “bizzarro” dicendo che lo avevano fatto perché erano stanchi di aspettare l’autobus.

I due, entrambi volti noti alle forze dell’ordine, identificati in Giulio Muratore e Michela Adelfio, sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato in concorso e l’autovettura è stata restituita al legittimo proprietario. Giudicati con il rito direttissimo presso il Tribunale di Termini Imerese, dopo la convalida dell’arresto sono stati sottoposti all’obbligo di dimora.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.