Pescara: nomadi in trasferta per commettere furti. CC arrestatano una giovane donna

auto-cc-2015Pescara, 30 nov – I Carabinieri del Nucleo Investigativo, in collaborazione con i militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Pescara, nella giornata di sabato 27 novembre u.s., nel corso dei servizi di prevenzione e contrasto per la recrudescenza dei furti in abitazione, hanno rintracciato e bloccato nella locale Via Raffaello tre giovani nomadi segnalate da alcuni cittadini aggirarsi con fare sospetto nei pressi di private abitazioni.

Prontamente controllate, le donne, delle quali una minorenne (14 anni) ed arrivate a Pescara appositamente per commettere furti, sono risultate gravate da precedenti di polizia e penali; in particolare, la giovane identificata in Risteski Claudia, 19enne pregiudicata residente a Roma presso il campo nomadi “della barbuta”, è risultata ricercata in quanto gravata da un ordine di carcerazione emesso in data 19.11.2015 dal Tribunale di Frosinone per “furto aggravato in abitazione” con applicazione di una pena residua di anni 2, mesi 5 e giorni 19 di reclusione per reiterati furti in abitazione commessi nel centro Italia.

Le tre giovani, inoltre, sottoposte a perquisizione personale, estesa al veicolo in loro uso – una peugeot 205 – venivano trovate in possesso di un cacciavite della lunghezza di 50 cm, un paio di forbici, parti di contenitori in plastica comunemente utilizzate per la forzatura di serrature ed uno spadino, occultati nei rispettivi indumenti, e posti sotto sequestro.

L’arrestata, deferita contestualmente per “guida senza patente poichè mai conseguita”, assolte le formalità di rito, è stata tradotta presso la Casa circondariale – sezione femminile – di Chieti, mentre le due giovani deferite sono state affidate all’esercente la potestà genitoriale, giunta in serata dalla Capitale.

Gli accertamenti sviluppati nella stessa giornata di sabato hanno consentito di escludere la commissione di furti in abitazione nel quartiere pescarese ove è avvenuto il controllo; è pertanto ragionevole ritenere che la prontezza di intervento e la qualificata sinergia investigativa tra i Reparti del Comando Provinciale Carabinieri, abbia permesso di sventare una sicura escalation di furti in pieno centro cittadino, conseguendo un positivo risultato che dovrà necessariamente costituire, anche in ragione delle tempestive e fattive segnalazioni pervenute da cittadini, base di riferimento per una ancora più incisiva e condivisa azione di contrasto ai fenomeni predatori.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.