Pavia, medico truffa 150.000 euro ad anziani: arrestato dai Carabinieri

pavia-medico-ccVigevano (PV), 23 mar – I Carabinieri di Pavia, hanno arrestato per truffa aggravata e continuata, un medico chirurgo – oculista. Nei confronti dei suoi pazienti anziani, ingenerava il timore di un pericolo immaginario, circa false verifiche fiscali da parte della Guardia di Finanza e relative sanzioni, per le cure mediche ricevute.

Sfruttando l’età avanzata delle vittime, il loro grado culturale, nonché il rapporto medico – paziente, stabile e duraturo (il quale solitamente sottende a una relazione di fiducia da parte del paziente nei confronti del proprio medico curante), e quindi sfruttando la condizione di “minorata difesa”, in cui le stesse versavano al momento dei fatti, una la Dr.ssa 59enne da Lomello (PV), dagli accertamenti svolti dai Carabinieri del Comando Stazione di Mortara è emerso aver raggirato 7 pensionati, riuscendo a sottrarre loro più di 35.000 euro.

Le indagini erano partite in sordina circa un anno fa, quando un’indifesa vecchietta 72enne, prendendo coraggio, aveva raccontato ai Carabinieri di Mortara quello che da qualche tempo subiva da parte della sua oculista di fiducia. L’anziana donna, riferiva aver consegnato in brevissimo tempo alla professionista, presso cui era in cura per patologie agli occhi, varie somme di denaro in assegni per un importo di 13.000 euro. Tale denaro veniva richiesto dalla professionista in quanto, a suo dire, doveva sistemare fiscalmente, presunte visite mediche specialistiche effettuate nel tempo all’anziana e al marito di quest’ultima (oggi defunto) e che non erano mai state pagate.

Per rendere più vera e convincente la versione dei fatti e quindi indurre l’anziana a pagare, il medico emetteva delle ricevute che consegnava alla donna dicendole che se il pagamento non fosse avvenuto, non vi sarebbe stata nemmeno la regolarizzazione amministrativa con la conseguente verifica della Guardia di Finanza, per la quale il medico falsamente aggiungeva che aveva già pagato ingenti sanzioni, e l’anziana avrebbe di conseguenza perso tutto il denaro ed addirittura l’abitazione.

Ovviamente tali affermazioni minavano l’anziana donna nelle sue certezze, spaventandola per la perdita di quello che era riuscita con enormi sacrifici da operaia prima e da pensionata poi, a costruire nel corso della sua vita; per tale ragione la donna si convinceva a dare al medico i soldi richiesti e che con tanta fatica aveva messo da parte. Il medico non pago, nel corso dei mesi, continuava nelle sue richieste di denaro, con cifre sempre più esose nei confronti dell’anziana che intanto prosciugava il conto in banca, tanto che preoccupata, si confidava dapprima con un familiare e poi con i militari della città di Mortara.

Nel corso delle indagini i militari per trovare riscontri a quanto raccontato dall’anziana effettuavano, di concerto con l’A.G. di Pavia, una perquisizioni nell’abitazione e nei diversi studi medici della professionista, nei comuni di Robbio Lomellina, Lomello e Mede (quest’ultimo all’interno dell’Ospedale di quel centro) rinvenendo copiosa documentazione d’interesse investigativo, diversi assegni e le ricevute relative alla cifre menzionate dall’anziana. Durante le operazioni, però, all’occhio attento dei militari balzavano altre ricevute fiscali, intestate a pazienti tutti anziani e per importi elevati.

Ritenendo che anche tali persone potessero essere state raggirate dalla professionista, iniziava un accertamento più approfondito, per cui identificavano gli intestatari delle ricevute scoprendo che il medico aveva da tempo adottato lo stesso modus operandi criminale, nei confronti di altri pazienti anziani che aveva in cura. I carabinieri per il momento, hanno identificato in totale 16 vittime anziane (con età compresa tra i 77 e gli 88 anni ed alcune nel frattempo decedute) truffate dalla professionista e che le avrebbero consegnato somme di denaro per complessivi 150.000 euro.

Di queste, ben 7 hanno sporto regolare denuncia (in un caso la denuncia è stata presentata dal figlio di una vittima in quanto quest’ultima sofferente di una malattia degenerativa del sistema neurologico) per una somma di denaro di oltre 35.000 euro (inserite nella misura cautelare dell’A.G. di Pavia), che il medico avrebbe incassato. Continuano gli accertamenti dei Carabinieri al fine di scoprire ulteriori vittime e di risalire al denaro illecitamente guadagnato dal medico che inoltre, risulta averlo speso in gran parte giocando alla roulette presso il Casinò di St. Vincent. Le indagini dei Carabinieri venivano accolte in toto dall’A.G. procedente che richiedeva la misura degli arresti domiciliari nei confronti della professionista e che il GIP del Tribunale di Pavia, emetteva in data 17.03.2015 e che i Carabinieri hanno eseguito questa mattina, reperendo il medico nel suo studio di Lomello (PV).

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.