Parma: «Mangia col piatto in mano come un animale», CC arrestano maestre che terrorizzavano bambini

Parma, 23 mag – I Carabinieri di Colorno hanno arrestato, su ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal GIP del locale Tribunale, a seguito di richiesta della Procura della Repubblica di Parma che ha coordinato le indagini, per il reato aggravato di maltrattamenti, due persone (G.G. 59enne – A.P.S. 47enne), entrambe maestre presso la scuola dell’infanzia di Colorno.

L’indagine, delicata e toccante per la vulnerabilità delle vittime, è iniziata alla fine del mese di marzo di quest’anno allorquando i Carabinieri della Stazione di Colorno hanno acquisito precisi spunti investigativi, relativi ad episodi di maltrattamenti in danno di bambini, di età compresa tra i tre ed i cinque anni (ad esempio venivano obbligati a stare immobili e zitti, a mangiare per forza il cibo nonostante una crisi di pianto, venivano strattonati per le braccia e ricevevano rimproveri molto severi). Ottenuti quindi alcuni preliminari riscontri sulla sistematica attività di maltrattamento, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Parma,  è stata immediatamente avviata una delicata e riservata attività d’indagine utilizzando intercettazioni delle conversazioni audio/video all’interno di alcune aule della scuola.

Le attività tecniche hanno permesso di acquisire, sin dall’inizio, cristallini ed incontrovertibili elementi di reità a carico delle due indagate e quindi avvalorare l’ipotesi investigativa. I Carabinieri hanno documentato le condotte aggressive ed ingiustificate delle due arrestate le quali, piuttosto che svolgere con diligenza e scrupolo il loro importantissimo ruolo d’insegnanti, hanno creato un clima di terrore nei confronti dei minori a loro affidati. Hanno sottoposto i bambini a sistematiche violenze fisiche quali percosse, schiaffi, spintoni, nonché verbali pronunciando, con veemenza e tono di voce alterato, frasi del tipo “befana, scemo” oppure minacce quali “vi do delle patacche, vi metto in punizione, vi faccio correre”. A volte, per intimidire i minori, scagliavano per terra oggetti che avevano casualmente in mano

Oltre a queste condotte, le due indagate applicavano come punizione l’isolamento dei bambini che non tenevano un comportamento adeguato. In pratica  obbligavano i piccoli a rimanere da soli in altra aula dell’istituto, seduti su una sedia, fermi ed immobili per diversi minuti e, in alcune circostanze, anche per delle ore. Inoltre, in un caso, un bambino è stato costretto a mangiare con il piatto in mano “come un animale” per punizione.

I provvedimenti restrittivi a carico delle due maestre sono stati notificati ed eseguiti nella serata di ieri.

L’indagine ha dato voce a vulnerabili ed indifesi bambini che hanno subito condotte vessatorie, umilianti ed intimidatorie da parte di coloro che avrebbero dovuto assisterli amorevolmente e dignitosamente.

Sommario
Parma: «Mangia col piatto in mano come un animale», CC arrestano maestre che terrorizzavano bambini
Article Name
Parma: «Mangia col piatto in mano come un animale», CC arrestano maestre che terrorizzavano bambini
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.