Palermo: non si fermano all’alt dei Carabinieri e travolgono un militare

alt-carabinieriPalermo, 11 mar – Ieri intorno alle 12.35 circa, un equipaggio del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Carini (PA) stava effettuando un posto di controllo nei pressi dello svincolo autostradale A29 di Carini, quando imponeva l’ALT al conducente di una Ford KA di colore grigio che proveniva da Palermo.

Il conducente della Ford, alla vista della gazzella, in un primo momento rallentava, per poi accelerare la marcia investendo il militare che gli stava intimando di fermarsi, e che trasportato successivamente presso il P.T.E. di Carini, veniva visitato e riscontrato affetto da: “trauma la ginocchio destro con limitazione funzionale e lieve impotenza funzionale e contusione caviglia e dorso piede destro con limitazione funzionale, con una prognosi di 20 giorni s.c.“.

Contestualmente all’investimento, il passeggero, lanciava dal finestrino due involucri di colore scuro, che venivano immediatamente recuperati da una pattuglia del Nucleo Operativo di Carini giunta in ausilio.

La Ford Ka inseguita da due pattuglie dell’Arma, terminava la folle corsa in via Pietro Novelli, strada senza uscita. I due soggetti, scesi dall’auto, scavalcavano una recinzione proseguendo la fuga a piedi; il passeggero veniva però raggiunto ed immobilizzato, mentre il complice riusciva a far perdere le proprie tracce.

Giunti in caserma, i Carabinieri identificavano Michele Viola, nato a Palermo classe 1978, residente a Carini, visto dagli operanti, mentre seduto lato passeggero si disfaceva dei due involucri, risultati contenere circa 200 grammi di hashish. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, il Viola veniva tratto in arresto con l’accusa di detenzione illecita di sostanze stupefacenti e tradotto presso il carcere “Pagliarelli” di Palermo in attesa dell’udienza di convalida.

La sostanza stupefacente, sottoposta a sequestro, verrà inviata al Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale Carabinieri di Palermo per gli accertamenti chimico – tossicologici.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.