Padri e figli: a Foggia e Palermo in manette in due distinte operazioni dei Carabinieri

Carabinieri-Palermo-BallarA Cerignola (FG), dopo le perquisizioni che hanno interessato il quartiere San Samuele, e che hanno portato al rinvenimento di cospicui quantitativi di sostanze stupefacenti, oltre che di armi, l’attenzione dell’Arma si è concentrata sul quartiere Torricelli. In particolare, a seguito di una serie di perquisizioni domiciliari, sono stati tratti in arresto Francesco Merlicco, 44 anni, e Carmine Merlicco, 22 anni, padre e figlio.

Nel dettaglio, dopo che i militari della Stazione di Cerignola si presentavano presso la loro abitazione, mentre il padre bloccava gli operanti, usando anche violenza nei loro confronti, il figlio ne approfittava per scappare gettandosi dal secondo piano, mentre ancora era in pigiama e scalzo. I militari che erano rimasti appostati nei pressi del palazzo, dopo aver notato che lo stesso, nella fuga, si era disfatto di una confezione, prima lo rincorrevano, lo bloccavano e subito dopo, recuperata la confezione lasciata dallo stesso, constatavano che all’interno vi erano 40 dosi di cocaina per un peso totale di circa 16 grammi.

Padre e figlio venivano tratti in arresto, il primo per Resistenza a Pubblico Ufficiale ed il secondo per detenzione ai fini di spaccio di cocaina.

Nel palermitano invece, precisamente ad Altavilla Milicia, nel pomeriggio di venerdì scorso, i militari della locale Stazione hanno proceduto al controllo di una vettura sulla quale viaggiava un giovane altavillese, Alessio Nasta, 20 anni. Il ragazzo, già conosciuto alle forze dell’ordine, è stato trovato in possesso di circa 2 grammi di hashish e pertanto segnalato quale assuntore.

La perquisizione domiciliare effettuata dai militari ha poi rivelato come lo stesso, presso la propria abitazione, avesse effettuato un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica, tramite il quale alimentava l’immobile e quindi è stato tratto in arresto per il furto di energia elettrica.

Il sabato successivo è stato arrestato anche il padre, Carmelo Nasta, 45 anni, anch’egli volto noto alle forze dell’ordine. L’uomo infatti, nel pomeriggio di sabato, mentre viaggiava a bordo della propria autovettura unitamente ad un altro soggetto, veniva fermato per un controllo alla circolazione stradale da una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile. Nella circostanza l’atteggiamento agitato dell’uomo insospettiva i militari, i quali procedevano ad effettuare un’accurata perquisizione dello stesso, rinvenendo un involucro in plastica contenente 5 grammi di cocaina, celata nelle parti intime. Tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, l’uomo è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.