Napoli, arrestato ricercato bulgaro: è accusato di omicidio e lesioni gravi

112-560Napoli, 9 mar – È destinatario di un mandato d’arresto europeo, emesso dalla Corte Distrettuale di Montana (Bulgaria) l’8 febbraio del 2014, S. S. V., il 29enne bulgaro rintracciato e arrestato ieri sera a Napoli. È accusato di omicidio e lesioni gravi personali.

Ad entrare in azione, a seguito di una mirata attività d’indagine, i militari della Stazione CC di San Ferdinando, dipendenti dalla Compagnia CC di Gioia Tauro del Comando Provinciale di Reggio Calabria, col supporto di personale della Compagnia CC di Napoli – Stella.

I militari della Stazione di San Ferdinando, dopo un’approfondita attività info – investigativa svolta nelle ultime settimane, sono riusciti ad appurare che il 29enne, già noto ai Carabinieri perché domiciliato in passato nel Comune di San Ferdinando (RC), potesse gravitare a Napoli insieme ad altri suoi concittadini.

Così, dall’analisi incrociata dei dati in possesso, integrata con una sofisticata attività informativa, i Carabinieri hanno individuato il quartiere Forcella quale area di maggior interesse sotto il profilo investigativo e hanno iniziato ad effettuare una prolungata attività di osservazione nelle principali vie della zona.

E ieri, alle prime ore della sera, durante un servizio mirato nelle zone adiacenti a Piazza Principe Umberto di Napoli, i milirari sono riusciti ad individuarlo e arrestarlo all’altezza della fermata dei pullman di Corso Garibaldi.

S. S. V. deve scontare la pena di anni 5 perché ritenuto colpevole della morte di un connazionale, avvenuta nel 2011 in Bulgaria, a seguito di un incidente che, secondo gli inquirenti, sarebbe stato da lui cagionato mentre si trovava alla guida di un motociclo in accertato stato di ebbrezza alcolica.

Il 29enne è stato tradotto nella Casa Circondariale di Napoli Poggioreale a disposizione del Presidente della Corte d’Appello locale che curerà la convalida dell’arresto.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.