Mantova: contrasto al “caporalato”, tre persone arrestate dai Carabinieri

MANTOVA – A Roverbella, i militari della Stazione Carabinieri di Castel Goffredo, unitamente a quelli di Roverbella, Goito, Guidizzolo, Asola, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale PSAL – ATS Valpadana ed al personale INAIL e INPS, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova, il cui coordinamento è affidato al Comandante della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, Maggiore Simone TONI e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE DELLA CALZA”, hanno arrestato per i reati di “trarre ingiusto profitto favorendo la permanenza nel territorio italiano di cittadini stranieri e sfruttamento della manodopera clandestina”, un 56 enne ed un 43 enne di nazionalità cinese, risultati rispettivamente titolare e conduttore di un laboratorio tessile del luogo.

Gli operanti, a seguito di un controllo effettuato all’interno della predetta azienda tessile, hanno identificato complessivamente 12 lavoratori di cui 10 regolari sul Territorio Nazionale, muniti di regolare contratto di lavoro e 2 clandestini, privi di regolare contratto, ai quali sono state avviate le procedure per l’espulsione.

Nel corso della medesima operazione, i militari operanti, hanno arrestato altresì un 31 enne anch’esso di nazionalità cinese, titolare di un attiguo laboratorio tessile, dove a seguito del controllo effettuato all’interno, hanno identificato complessivamente 11 lavoratori di cui 9 regolari sul territorio nazionale, muniti di regolare contratto di lavoro e 2 clandestini, privi di regolare contratto, per i quali sono state avviate le procedure per l’espulsione.

Nella circostanza, l’intero complesso immobiliare, i macchinari e la merce del valore di 500.000,00 euro, sono stati sottoposti a sequestro preventivo ed affidati al proprietario dell’immobile, un 54 enne cinese del posto.

I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro, hanno provveduto alla sospensione di entrambe le attività imprenditoriali ed hanno emesso sanzione amministrative per un ammontare di 14.400 Euro. Il recupero contributivo, è ancora in fase di quantificazione da parte del personale dell’ASL, INAIL e INPS, a seguito di specifici riscontri di competenza effettuati. Le persone arrestate, dopo le formalità di rito, sono state tradotte presso la casa circondariale di Mantova, su disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

Il Prefetto di Mantova, Sandro LOMBARDI, ha espresso il suo vivo apprezzamento al Comandante Provinciale dei Carabinieri di Mantova, Colonnello Fabio FEDERICI, per le brillanti operazioni di servizio e per i positivi obiettivi conseguiti finalizzati a contrastare le situazioni lavorative irregolari nel campo del settore tessile, che portano troppo spesso a ledere la dignità degli stessi lavoratori, nell’ambito di una problematica che è da sempre, oggetto di particolare attenzione da parte della suddetta Autorità.

Al riguardo, si portano i risultati operativi conseguiti nello specifico ambito dal luglio 2016:

  • 75 laboratori tessili sottoposti a controllo;
  • 39 laboratori destinatari di provvedimento di sospensione attività;
  • 574 lavoratori identificati;
  • 122 lavoratori irregolari sul territorio nazionale espulsi;
  • 180 lavoratori privi di contratto di lavoro identificati;
  • 575.800 Euro il totale delle sanzioni amministrative contestate;
  • 123.302 Euro il totale delle sanzioni penali contestate;
  • 28 persone deferite in stato di libertà;
  • 25 persone deferite in stato di arresto.
Sommario
Mantova: contrasto al "caporalato", tre persone arrestate dai Carabinieri
Article Name
Mantova: contrasto al "caporalato", tre persone arrestate dai Carabinieri
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo
Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.