«Lavoro per i servizi, vogliono chiudermi la bocca». Carabiniere suicida a Roma

chiassoRoma, 26 nov – Si chiamava Luis Miguel Chiasso, il carabiniere originario della provincia di Terni trovato morto, con un colpo di pistola al petto, ieri sera nella sua stanza nella caserma dove prestava servizio a Roma. L’ipotesi è che il militare dell’VIII Reggimento Lazio si sia suicidato con l’arma d’ordinanza.

Come se non bastasse lo strazio dell’ennesimo suicidio tra le “divise”, la vicenda si tinge di giallo per via del contenuto del suo ultimo post nel suo profilo Facebook: «Lavoro per i servizi segreti italiani ed internazionali da tempo sto vedendo cose a noi sconosciute cose non di questo mondo ma dei nostri creatori, purtroppo sapere determinate cose porta delle responsabilità , mi resta poco da vivere so già che stanno arrivando per chiudere la mia bocca per sempre». Di seguito il post completo.

post-ChiassoIeri sera sono giunti da Terni i genitori del militare suicida. La procura, intanto, ha disposto l’autopsia.

Sull’accaduto sarebbe stata già aperta un’indagine e la speranza è che possa essere fatta piena luce al più presto. Quello che è certo, è che il suo ultimo post alimenta un mistero,

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.