Livorno, chiusa una casa di riposo irregolare: maxi multa per la titolare

auto-carabinieri-cofanoLivorno, 22 mar – Durante un controllo dei Carabinieri in una struttura per anziani a Livorno, sono state accertate violazioni amministrative che ne determineranno la chiusura. La casa di riposo privata ospitava infatti pensionati non autosufficienti prestando cure senza autorizzazione socio-sanitaria. Per la titolare, invece, scatterà una maxi multa.

L’operazione è stata condotta nei giorni scorsi dai Carabinieri della Compagnia di Livorno che, con l’ausilio dei colleghi del Nas locale e il personale dei servizi sociali dell’Asl Toscana Nord Ovest, hanno effettuato un’ispezione amministrativa nella casa famiglia gestita da due donne livornesi: una struttura che ospitava 7 anziani, di cui 4 con più di 90 anni.

Al termine del controllo (un appartamento di circa 200 metri quadri al primo piano di un condominio), è emerso che era stata posta in essere, di fatto, un’attività che erogava prestazioni socio-assistenziali e socio-sanitarie pur non avendo la relativa autorizzazione e i prescritti requisiti previsti dalla legge regionale 41/2005.

Alla titolare dell’attività, pertanto, sarà contestata una sanzione amministrativa da 5000 a 15000 euro e sarà segnalata al Comune di Livorno per determinare la chiusura dell’attività.

I parenti degli ospiti della casa famiglia, contattati al termine dell’ispezione, hanno provveduto al trasferimento degli anziani in altre idonee strutture.

Dalle verifiche svolte dai militari è emerso inoltre che 3 dei 7 ospiti della struttura erano già stati dichiarati non autosufficienti dalla competente commissione dell’Asl e pertanto non potevano essere in alcun modo ospitati in una struttura non sanitaria come quella oggetto dell’ispezione.

Sono in corso ulteriori verifiche e accertamenti al fine di valutare eventuali altre responsabilità per la titolare dell’attività.(AdnKronos)

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.