Inseguimento tra le vie del centro nel trapanese: CC arrestano pluripregiudicato

auto-carabinieri-trapani-560Trapani, 29 mar – Mattinata movimentata quella di sabato scorso, tra le strade del centro città di Castelvetrano (TP), quando una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia Carabinieri, al termine di un lungo inseguimento, traeva in arresto, per il reato di resistenza a pubblico ufficiale, il cittadino di origini tunisine, domiciliato da tempo a Castelvetrano, Hamed Chebbi, 37 anni, pluripregiudicato.

L’uomo è stato, altresì, denunciato all’autorità giudiziaria per guida in stato di ebbrezza, in quanto trovato, a seguito di alcol test, con un tasso alcolemico superiore a quello consentito dalla legge.

Hamed Chebbi, alla guida di una VW Golf, è stato notato dai militari sfrecciare a tutta velocità lungo le vie cittadine, dove a quell’ora già vi erano numerose persone, intente ad ultimare le compere per l’imminente festività pasquale.

I Carabinieri sono dunque partiti all’inseguimento dell’uomo che ignorava l’alt imposto con sirene, lampeggianti e paletta. Incurante dei pedoni e delle altre autovetture, il tunisino proseguiva la sua folle corsa fino a Via Savonarola, dove andava ad impattare con un autovettura ivi parcheggiata terminando così la sua fuga. Raggiunto dai militari operanti, non ha poi esitato a scalciare ed a divincolarsi, sferrando calci e pugni, cagionando loro lesioni guaribili in 5 giorni.

Condotto, pertanto, presso gli uffici della locale Compagnia, veniva dichiarato in stato d’arresto per il reato di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, e guida in stato di ebbrezza e sottoposto agli arresti domiciliari fino alla data odierna dove, a seguito del giudizio con rito direttissimo, il Giudice Marsalese, oltre a convalidare l’arresto, disponeva nei suoi confronti l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.