Genova: guida contromano e investe l’auto dei Carabinieri. Il PM indaga il militare alla guida

Genova, 29 ago – Erano diretti con la sirena accesa verso il centro storico di Genova per un intervento urgente, quando un automobilista svizzero, che guidava contromano, ha centrato la “gazzella” dei Carabinieri davanti al Porto Antico.

Il pm Giovanni Arena, però, ha deciso di iscrivere sul registro degli indagati il militare alla guida della macchina dell’Arma, che dovrà rispondere di lesioni stradali perché il conducente della macchina, tutt’ora ricoverato in condizioni gravi, ha riportato ferite superiori a 41 giorni.

Al militare viene contestato il fatto di non avere usato la prudenza necessaria per evitare eventuali ostacoli anche se viaggiava con la sirena accesa. Il giovane turista che ha provocato l’incidente (ricoverato nella sala di Rianimazione dell’ospedale Galliera) sarà multato per l’inversione vietata ma non indagato perché i tre carabinieri a bordo della “gazzella” hanno subìto ferite con prognosi minori di 41 giorni.

Il giovane svizzero era con un connazionale che ha riportato ferite lievi ed è già stato dimesso: i due a bordo di una Auris si stavano recando in porto per imbarcarsi su una nave da crociera.

Sommario
Genova: guida contromano e investe l'auto dei Carabinieri. Il PM indaga il militare alla guida
Article Name
Genova: guida contromano e investe l'auto dei Carabinieri. Il PM indaga il militare alla guida
Author
Publisher Name
GrNet.it
Flipboard

13 Commenti

  1. MPescatori dice

    Il magistrato si giustificherà adducendo il “gesto dovuto”. Io mi chiedo come si possa pretendere che una Gazzella che accorre a sirene spiegate (accorre, ergo situazione di emergenza) possa ancora “prestare tutte le dovute cautele” quando il CdS IMPONE agli altri di dare tutte le precedenze del caso.
    Mi sembra assurdo che lo svizzero sia stato doloultato anziché imputato di interruzione di pubblico servizio e di impedimento alle FF.OO.
    A casa mia quest’ultimo è reato.
    A casa di “colui che puote ciò che si vuole”,
    chissà.
    Chissà…

  2. Giuseppe dice

    Con quest’altro fatto descritto, dico solo che L’ITALIA È FINITA.

  3. Walter dice

    Tempestivo intervento del magistrato….41 giorni di prognosi danno la procedibilità d’ufficio… Sarà così chiaro l’ evento sinistro per convincere così speditamente alla chiara probabile condotta del Carabiniere indagato (da quanto appreso da questo articolo) per gravi lesioni colpose. Non conosco gli atti, prodotti sul posto dall’ infortunistica stradale intervenuta e non entro nel merito. Ma ho delle domande che mi pongo, i rilievi tecnici infortunistici stradali (fotografici, planimetrici, di tracce sull’ asfalto e danni dei mezzi, testimoni, dichiarazioni dei conducenti ecc.) richiedono una tempistica complessa per essere vagliati al meglio in tutti i sui elementi, che danno un quadro completo e abbastanza certo sulla dinamica dell’ evento.

    1. Valerio Albano dice

      ma che hai detto? me lo traduci in italiano, per favore?

    2. roberto dice

      Ha sempre ragione chi non ce l’ha nella mente contorta dei giudici con i paraocchi come i muli

  4. Walter dice

    Sempre da quanto ho sempre letto e appreso su questo articolo, dell’ incidente avvenuto a Genova il 29.08.2017, la domanda a cui rifletto e non so darmi risposta è….. considerato che al conducente dell’ autovettura che si è scontrata con i Carabinieri è stato contestato il fatto di guida in contromano, perché si è solo deciso di indagare il Carabiniere? A mio avviso la contestazione di un verbale al cds è già un atto di accertamento di responsabilità, quindi ipotesi (di lesioni colpose in questo caso) per ipotesi.

  5. Renato dice

    Il conducente alla guida della gazzella doveva “dare di collettivo” e prendere il volo…

  6. fanti delfo dice

    essendo il tempo di guarigione superiore ai 41 giorno, il procedimento penale è instaurato d’ufficio e l’iscrizione del carabiniere è un atto dovuto, a tutela dello stesso, che così potrà conoscere gli atti e presentare memorie difensive chiedendo l’archiviazione al GIP, ed , una volta accolta costituirsi parte civile , con richiesta danni. questa , purtroppo, è la burocrazia italiana che non sa cosa sia il buonsenso

  7. Enrico Cobra Buzzone dice

    Intanto chi si trova in situazione di emergenza, anche se viaggia con sirena e lampeggianti deve comunque rispettare il codice della strada, anche io essendo autista ambulanze devo rispettare il codice della strada, ma in questo caso la colpa è dell’idiota contro mano.

    1. Giordano dice

      Ho guidato anch’io ambulanze; nel caso in cui ciò sia giustificato e il mezzo di soccorso abbia sirene spiegate e lampeggianti accesi (non basta che le sirene e i lampeggianti siano accessi, occorre che ciò sia giustificato) non vi è l’obbligo di massima prudenza ma di prudenza media (la cosiddetta “prudenza del buon padre di famiglia”), ed è possibile violare, se necessario, tutte le norme del Codice ad eccezione dell’art. 1, di quelle inerenti ai passaggi a livello (nel qual caso la prudenza media non è mai ammessa ed è sempre e comunque richiesta quella massima) e quelle inerenti ad eventuali richieste ad opera di forze di polizia. Nel caso specifico dell’incidente di Genova, si tratta di stabilire se vi erano, oppure no, le ipotesi per viaggiare nelle condizioni di prudenza media e non di massima prudenza. Se queste vi erano, ci sarà archiviazione. Va detto che il fatto che sia indagato un conducente che tutto fa ritenere incolpevole (e che spero possa vedere presto l’archiviazione), pur sembrando assurdo, è legato al fatto che l’individuo che ha causato tutto, cioè il guidatore contromano, è l’unico ad avere ferite tali da far scattare la procedibilità d’ufficio. Le cose sarebbero andate diversamente se ad essere ferito gravemente fosse stato il passeggero del conducente svizzero.

      1. Fabio dice

        No scusa sbagli anche io come te guida l’ambulanza e sino certificato ma il codice della strada dice MASSIMA PRUDENZA non media ti assicuro. Comunque hai ragione quando dici che il Carabiniere sara5insagato anche x tutelarli ma se fai rilievi scoprono che correva troppo ecco che subentra il reato di dolo e imprudenza e allora vedrai che qualcosa gli faranno .Spero che tutto si aggiusto x il meglio e gli faccio i miei migliori in bocca al lupo!

  8. francesco dice

    Effetti legge “omicidio stradale” tanto voluta, ma ovviamente fatta col c…!!!!

  9. Gianni dice

    Quanta inutile E COSTOSA burocrazia !

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.