Foggia: omicidio nelle campagne di Lucera. Arrestati dai Carabinieri padre e figlio

omicidio-luceraFoggia, 22 set – Nel pomeriggio di ieri, in agro di Lucera, è stato perpetrato un omicidio e un tentato omicidio in danno di due giovani del Burkina Faso. La vittima è Sare Mamoudou, 37enne, bracciante agricolo, mentre Kadago Adam, anch’egli bracciante agricolo, è ricoverato in prognosi riservata presso gli ospedali riuniti di Foggia.

I due, unitamente ad altro connazionale, venivano sorpresi da un agricoltore, Ferdinando Piacente, proprietario di un terreno e dal figlio Raffaele Piacente, mentre nel loro podere avevano asportato e caricato su un’autovettura alcuni meloni.

Ne scaturiva un’accesa discussione e una colluttazione tra il giovane italiano e uno degli stranieri, a seguito della quale Raffaele Piacente riportava una lesione al naso. Nella lite interveniva il padre, Ferdinando Piacente che, imbracciando un fucile regolarmente detenuto, esplodeva due colpi all’indirizzo dei tre e dell’ autovettura con cui erano giunti.

Vista la reazione i tre abbandonavano il luogo e nella circostanza venivano inseguiti da Piacente e suo figlio. Dopo qualche chilometro, esplodendo verosimilmente un colpo di fucile, costringevano l’autovettura dei fuggitivi a fermarsi e pochi istanti dopo venivano esplosi altri colpi all’indirizzo dei tre stranieri, attingendo mortalmente Sare da tergo e ferendo Kadago al petto.

Immediata attività investigativa, supportata da testimonianze raccolte nell’immediatezza dei fatti, consentiva di ricostruire la dinamica dell’accaduto, procedendo inoltre al sequestro del fucile e di altre armi detenute e denunciate da Piacente Ferdinando.

omicidio-lucera-1I due, Ferdinando Piacente, 65enne di Lucera e il figlio Raffaele Piacente, 27enne, venivano sottoposti dai Carabinieri della Compagnia di Lucera e del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Foggia a provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Foggia, con l’accusa di omicidio in concorso, tentato omicidio in concorso e porto illegale di armi. Dopo le formalità di rito sono stati tradotti presso la casa circondariale di Foggia. Sulla salma l’Autorità Giudiziaria ha disposto l’esecuzione di autopsia.


Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.