Foggia: colpisce vicino di casa con coltello dopo un litigio. Arrestato dai CC

cc-foggia-litigioSan Severo (FG), 9 lug – I Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di San Severo e della Compagnia di Intervento Operativo di Bari impiegata in città, hanno arrestato con l’accusa di tentato omicidio il sanseverese Giulio Leggieri, 47 anni.

Intorno all’una di notte, una pattuglia della CIO di Bari interveniva in corso Gramsci dove un uomo, 49enne di San severo, chiedeva aiuto e presentava una profonda ferita al braccio destro provocata da un’aggressione con arma da taglio.

I Carabinieri intervenuti prestavano i primi soccorsi all’uomo che stava perdendo molto sangue, bloccando l’emorragia con la cintura della divisa e subito dopo trasportandolo presso il locale pronto soccorso.

In ospedale i medici si rendevano subito conto della gravità della lesione che aveva reciso l’arteria brachiale della vittima e, pertanto, veniva trasferita presso l’ospedale di San Giovanni Rotondo per essere sottoposta ad un intervento d’urgenza.

Contestualmente i Carabinieri conducevano un’immediata attività d’indagine raccogliendo numerose testimonianze che permettevano di ricostruire la vicenda ed identificare l’autore del gesto nel Giulio Leggieri.

Sulla base di tali risultanze, quest’ultimo avrebbe sferrato una coltellata per strada al 49enne, suo conoscente e vicino di casa, quale epilogo di un litigio scaturito, già nel pomeriggio, per futili motivi, riconducibili a banali controversie di vicinato. Il Leggieri veniva trovato dai Carabinieri presso la sua abitazione in evidente stato di agitazione e con gli indumenti ancora macchiati di sangue.

In ragione dei gravi indizi di colpevolezza a carico di quest’ultimo e della gravità della ferita riportata dalla vittima, che grazie al tempestivo intervento e al primo soccorso prestato dai Carabinieri non ha determinato ulteriori e più gravi conseguenze, il Leggieri veniva dichiarato in stato di arresto e condotto presso il carcere di Foggia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

La vittima è tuttora ricoverata presso l’Ospedale di San Giovanni Rotondo in prognosi riservata ma non in pericolo di vita.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.