Firenze, arrestato in Svezia un ricercato per furto e rapina

112-560Firenze, 3 apr – La polizia svedese ha arrestato ai fini estradizionali un cittadino albanese di 26 anni, nel recente passato dimorante a Dicomano (Firenze), raggiunto da un mandato di arresto europeo per furto, rapina ed evasione.

L’albanese era ritenuto dagli inquirenti un elemento importante di una banda criminale emerso dall’indagine denominata “Slot” condotta dai Carabinieri di Borgo San Lorenzo (Firenze). L’attività investigativa aveva portato, nel gennaio 2015, alla disarticolazione di un sodalizio criminale dedito a furti e rapine in esercizi pubblici commessi dal 2013 al 2014 in gran parte della Toscana, con l’esecuzione di sette fermi, poi trasformati in ordinanze di custodia cautelare.

Circa una trentina erano i colpi attribuiti dai militari borghigiani alla banda, otto dei quali commessi nel Mugello. La pericolosità del 26enne albanese sarebbe emersa chiaramente nel corso dell’indagine, dove in occasione di uno dei tanti furti commessi nell’agosto 2014, durante la fuga, l’arrestato non avrebbe esitato a lanciare le slot-machine appena rubate contro l’auto dei Carabinieri nel corso dell’inseguimento.

La custodia cautelare in carcere emessa per l’albanese, successivamente fu trasformata negli arresti domiciliari che scontava a Dicomano; tuttavia le ripetute trasgressioni alle prescrizioni imposte con la misura restrittiva, accertate dai Carabinieri, resero necessario, nell’agosto del 2014, il ripristino di una più incisiva misura restrittiva.

Il giorno stesso dell’esecuzione del provvedimento il giovane fuggì dall’appartamento di Dicomano rendendosi irreperibile. Furono attivate immediatamente le ricerche anche in ambito internazionale, estendendole fino in Svezia, dove i Carabinieri di Borgo San Lorenzo sono riusciti a localizzarlo.(Adnkronos)

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.