Droga: Cagliari, i Carabinieri sequestrano 400 kg di hashish per 3 milioni, un arresto

carabinieri-elicotteroCagliari, 22 feb – I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Cagliari  hanno assestato un duro colpo alla criminalità organizzata del cagliaritano dedita al traffico di stupefacenti.

I militari, in un blitz compiuto ieri pomeriggio, hanno trovato e sequestrato 400 kg circa di hashish per un valore “commerciale” prossimo ai 3 milioni di euro, nella disponibilità di Ivano Silla, imprenditore edile 43enne di Moncalieri (To), che è stato arrestato.

L’operazione è stata resa possibile grazie anche a segnalazioni di cittadini che hanno notato movimenti anomali in un’area rurale alle porte di Cagliari, nella zona di San Lorenzo. I militari hanno avviato una serie di servizi di avvistamento e di monitoraggio, notando la presenza di persone e mezzi che, in effetti, poco avevano a che fare con quell’area rurale. Individuato un capannone e accertata la presenza di alcune persone al suo interno, è scattato il blitz con oltre 20 militari che hanno identificato i presenti, tra cui Silla, senza però che l’accertamento mettesse in evidenza particolari responsabilità.

Ai militari però, coordinati dal tenente colonnello Ivan Giorno e dal capitano Michele Cappa, è sembrato strano che il capannone fosse sostanzialmente vuoto, eccezion fatta per la presenza di un paio di grossi manufatti di cemento, dei contrappesi da gru, un muletto e alcuni strumenti per la demolizione. La situazione non ha convinto i carabinieri che hanno deciso di demolire i contrappesi scoprendo che all’interno erano cavi, invece che normalmente pieni proprio per la loro funzione di contrappeso per gru.

Il vuoto creato al loro interno con un telaio metallico con botola serviva per nascondere numerosi panetti di hashish per il peso complessivo di 400 kg. Gli approfondimenti hanno consentito di attribuire la disponibilità della droga a Silla che è stato arrestato.

La perquisizione personale e al domicilio del pregiudicato piemontese hanno consentito d trovare 2.500 euro ritenuti provento attività spaccio, di diversi telefoni e di altro materiale per la lavorazione ed il confezionamento di stupefacenti. (Adnkronos)

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.