Cuneo: tentava di spendere banconote false, denunciato un minorenne

Cuneo, 31 lug – Nella giornata di martedì scorso scorsi i Carabinieri della Stazione Carabinieri di Cuneo, diretta dal Luogotenente Ignazio PALMAS, hanno denunciato alla Procura per i minori di Torino un ragazzo, di 17 anni residente nel cuneese, per il reato di ricettazione e spendita di monete false consumato all’interno dell’area mercatale di Cuneo.

In particolare, i Carabinieri della Stazione di Cuneo avevano predisposto, come ogni settimana in occasione del mercato locale che coinvolge tutto il centro storico del capoluogo, un servizio di pattuglia a piedi finalizzato alla prevenzione di reati contro il patrimonio, tra i quali i furti con destrezza ai danni dei clienti che affollano le vie del mercato e quelli in danno degli stessi commercianti che espongono al pubblico la merce in vendita.

Durante il servizio, a metà mattinata, i due carabinieri di quartiere, in servizio nella stessa area, venivano informati telefonicamente da alcuni commercianti che un giovane stava tentando di spendere alcune banconote false da 50 euro presso le bancarelle allo scopo di “cambiare” i soldi falsi e procurarsi così denaro legalmente spendibile.
I due militari si coordinavano con i loro colleghi della stazione di Cuneo riuscendo quasi immediatamente a rintracciare il ragazzino e a fermarlo proprio mentre stava tentando ancora una volta di liberarsi del denaro fasullo.

Identificato come un minorenne residente nel braidese, lo stesso veniva accompagnato in caserma e perquisito con esito positivo in quanto, tra le pieghe dei suoi indumenti, venivano rinvenute 5 banconote da 50 euro palesemente falsificate di cui non riusciva ovviamente a fornire una valida giustificazione. Il denaro veniva sequestrato in attesa di ulteriori accertamenti anche in merito alla provenienza e al metodo di fabbricazione utilizzato.

Al momento, i militari sono anche impegnati ad interpellare i vari commercianti presenti quel giorno allo scopo di far loro verificare l’eventuale possesso di banconote false ricevute dal minore e, proprio a tale scopo, si rivolge di nuovo a tutti l’invito a controllare bene l’incasso della giornata e di segnalare alla stazione Carabinieri di Cuneo l’eventuale truffa subita, anche allo scopo di evitare di essere trovati inconsapevolmente in possesso di banconote false che, in buona fede, potrebbero essere reimmesse sul mercato rischiando a propria volta la denuncia.

Il minore, a conclusione di tutti gli accertamenti previsti, veniva quindi denunciato in stato di libertà alla competente Procura dei minori di Torino per i reati di ricettazione e spendita di monete false.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.