Caserta, falsi requisiti per ospitare richiedenti asilo: indagate quattro persone

carabinieri-auto-560-ottCaserta, 14 mar – Sequestrati numerosi appartamenti all’interno del Parco Mecos di San Nicola la Strada (Caserta), adibiti in precedenza a residenza per alloggio di cittadini stranieri richiedenti asilo. Ad entrare in azione nelle scorse ore i Carabinieri di Marcianise.

Risultano indagate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere quattro persone: un pubblico ufficiale del Comune di San Nicola la Strada e tre imprenditori (due amministratori delle società proprietarie degli immobili e un amministratore della società conduttrice) per falso in atti pubblici e turbativa d’asta.

I quattro sono accusati di aver falsificato l’attestazione dei requisiti necessari per il rilascio del certificato di agibilità degli immobili e di aver così partecipato e conseguito l’affidamento del servizio di ospitalità, indetto dalla Prefettura di Caserta, mediante la certificazione del falso presupposto della disponibilità di abitazioni pienamente agibili. Un centinaio i migranti ospitati nelle residenze.

Gli accertamenti avrebbero infatti messo in luce uno stato di mantenimento dell’immobile precario, l’assenza delle condizioni di igienicità, fruibilità e sicurezza, il degrado delle strutture, la pericolosa sistemazione dell’impianto elettrico e addirittura il mancato completamento degli immobili, risultati privi di pavimentazione nelle parti comuni e nei pianerottoli.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.