Carabinieri, Catania: madre e figlio falsificavano denaro in casa

carabinieri-falsari-cataniaUn arresto e una denuncia. Roma, 10 mar – I Carabinieri della Compagnia di Catania Piazza Dante e quelli del Comando Carabinieri Antifalsificazione Monetaria hanno arrestato in flagranza di reato Salvatore Massimiliano Guglielmino, 39enne catanese pregiudicato, peraltro in passato titolare di una tipografia ubicata nel centro storico, e denunciato in stato di libertà la madre C.M., per i reati di falsificazione di monete, detenzione di strumenti atti alla falsificazione e falsità materiale.

Le indagini, sviluppate mediante l’utilizzo di sofisticate tecnologie in possesso dei Carabinieri dell’Antifalsificazione Monetaria di Roma, hanno consentito di poter individuare nel quartiere di San Cristoforoun appartamento adibito a vera e propria stamperia di documenti e banconote false pronte ad essere messe in circuito nel territorio dell’Unione Europea.

Ad innescare la macchina investigativa è stata la segnalazione da parte di EUROPOL, che nei mesi scorsi aveva accertato la presenza nel territorio nazionale ed in Spagna, Germania e Malta, di banconote false di ingente valore riconducibili ad attività di contraffazione che aveva come centro di produzione la città di Catania. I Carabinieri hanno quindi effettuato la perquisizione presso l’abitazione di madre e figlio, rinvenendo tutta la strumentazione idonea alla produzione del denaro, costituita da diversi computer, scanner e stampanti, nonché banconote del taglio di 10 Euro per un valore complessivo di 10.000 euro oltre a numerosi blocchetti di certificati assicurativi contraffatti e vari diplomi di attestazioni di qualifiche professionali.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.