Camorra, “vendono” casa popolare e minacciano famiglia: 3 arresti a Napoli

auto-carabinieri-romaNapoli, 28 apr – Ottengono la disponibilità di una casa popolare lasciata dalla legittima assegnataria e la vendono a una famiglia in cambio di 17mila euro, somma in seguito ritenuta insufficiente.

Tre persone, ritenute appartenenti o contigue al clan camorristico dei Pesce-Marfella, sono state arrestate per tentata estorsione aggravata da finalità mafiose dai Carabinieri della stazione di Pianura, quartiere della periferia napoletana nel quale si trova l’abitazione.

I Carabinieri hanno accertato che, nel novembre 2016, i tre erano riusciti a ottenere la disponibilità di un appartamento popolare nel quartiere, lasciato dalla legittima assegnataria che aveva deciso di trasferirsi altrove riconsegnando le chiavi alle autorità preposte. Lo scorso gennaio l’appartamento è stato invece “consegnato” dai tre a un nucleo familiare che, per entrare, avrebbe pagato a F.C., 30enne già noto alle forze dell’ordine e tra i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Napoli, la somma di 17mila euro.

Il clan non si è però accontentato e, nelle settimane successive, ha tentato di alzare il prezzo chiedendo ulteriori 8mila euro attraverso minacce, pedinamenti dei componenti del nucleo familiare, accerchiamenti con motorini in strada e citofonate a tutte le ore, anche nel cuore della notte.

Uno dei componenti della famiglia si è quindi rivolto ai Carabinieri. Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, hanno portato all’emissione delle misure cautelari eseguite dai militari.(Adnkronos)

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.