Camorra, Napoli: fermato un 16enne. È ritenuto mandante e autore di un duplice omicidio a Melito

112-560Napoli, 24 mag – “Rampollo” del clan, a 15 anni avrebbe ideato, organizzato e consumato insieme a due complici maggiorenni l’omicidio di due elementi del clan, per “punirli” e dare l’esempio agli altri uomini della cosca.

È quanto avrebbero scoperto i Carabinieri del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna e della tenenza di Melito (Napoli), che oggi hanno eseguito un’ordinanza emessa dal gip presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli su richiesta della Procura con le accuse di omicidio aggravato da finalità mafiose e di detenzione e porto illegale di armi da guerra a carico di un ragazzo di Melito, ora 16enne, ritenuto un elemento di spicco del clan camorristico degli Amato-Pagano, operante nel controllo degli affari illeciti a Melito e nei comuni limitrofi.

Il giovane, secondo quanto accertato dai militari dell’Arma, sarebbe mandante e autore di un duplice omicidio consumato in un appartamento a Melito il 20 giugno 2016 per “punire”, da quanto ricostruito, iniziative troppo autonome delle vittime non confacenti alla strategia del gruppo camorristico.

Dopo le formalità il 16enne è stato accompagnato al centro di prima accoglienza dei Colli Aminei.(Adnkronos)

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.