Biella, impiegati comunali assenteisti: 33 persone coinvolte per peculato e falso

carabinieri-gazzella-112Biella, 30 set – Nel corso della mattinata odierna,in Biella, Tollegno (BI), Sagliano Micca (BI), Vigliano Biellese (BI), Candelo (BI) e Ponderano (BI), i militari del Comando Provinciale di Biella, a seguito di attività investigativa condotta dal dipendente Nucleo Investigativo, hanno dato esecuzione ad ordinanza di misura cautelare emessa in data 26 settembre 2016 dal Tribunale di Biella – Uff. GIP a carico di alcuni dipendenti del Comune di Biella, indagati, a vario titolo, per truffa in danno dello Stato, peculato e falso.

L’attività investigativa, iniziata dal mese di aprile u.s., è scaturita da specifica delega d’indagine della Procura della Repubblica di Biella, tesa a verificare la posizione di un dipendente sul conto del quale l’Amministrazione comunale, a seguito di indagine interna, aveva rilevato comportamenti anomali costituenti potenzialmente condotte di reato.

Le indagini, sviluppatesi con l’ausilio di attività tecnica (intercettazioni telefoniche e video riprese in prossimità dei lettori badge installati all’ingresso di due sedi del Comune di Biella), hanno permesso di accertare responsabilità penali a carico di 33 dipendenti che, a vario titolo:

  • erano soliti assentarsi sistematicamente ed ingiustificatamente dal lavoro, senza registrare l’uscita, per svolgere attività non connesse al servizio, anche ludica (es. frequenza sale giochi, attività sportiva ecc…);
  • non si presentavano al lavoro delegando la timbratura del badge a colleghi compiacenti;
  • utilizzavano automezzi di proprietà comunale per il disbrigo di commissioni personali.

Allo stato risulta emessa dal GIP di Biella, per 8 dipendenti comunali, fra i quali un funzionario, la misura cautelare personale del ”divieto di dimora nel Comune di Biella”.
L’attività potrà essere oggetto di ulteriori sviluppi.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.