Bari: sequestro di persona a scopo di estorsione, i Carabinieri arrestano 5 persone

BARI – Nella serata del 19 novembre scorso, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bari, hanno tratto in arresto in flagranza di reato, per i delitti di sequestro di persona a scopo di estorsione, rapina aggravata e detenzione di armi e munizionamento comuni e da guerra, tutti commessi in concorso tra di loro, i seguenti soggetti già noti alle Forze dell’Ordine:

  • Nicola ANNOSCIA, 29enne (detto scupidd);
  • Pasquale LORUSSO, 32enne;
  • Carmine MANZARI, 25enne;
  • Luigi ANNOSCIA, 20enne;
  • Cristofer MANZARI, 28enne,

tutti ritenuti, a vario titolo, gli autori del sequestro di persona eseguito nei confronti del Valerio LOCOROTONDO, 21enne di Noci (BA), avvenuto nelle prime ore della serata del precedente 18 novembre.

Le indagini, svolte con assoluta tempestività ed efficacia consentivano di ricostruire l’intera vicenda, in tutti i suoi passaggi così sintetizzabili:

  • alle 22.30 circa del 18 novembre, un commando costituito da Nicola ANNOSCIA, suo fratello Luigi, Cristofer MANZARI e Pasquale LORUSSO, tutti a viso scoperto, faceva irruzione e sequestrava, sotto la minaccia delle armi, Valerio LOCOROTONDO, nella sua abitazione di Noci. Il 21enne veniva preso in ostaggio, incappucciato, legato e condotto in altra ignota località;
  • dalle ore 22.30 fino alle successive 01.00 circa del 19 novembre, sempre sotto la minaccia di un AK 47 Kalashnikov ed almeno tre pistole, i malfattori trattenevano Angelo LOCOROTONDO, padre di Valerio e Mariagrazia LOPINTO, 18enne compagna di Valerio LOCOROTONDO, al fine di rapinare l’abitazione di quest’ultimo. Nella circostanza, dopo aver esploso  un colpo d’arma da fuoco cal. 9 all’indirizzo di Angelo LOCOROTONDO e due colpi fucile mitragliatore in aria, i criminali colpivano ripetutamente al capo, col calcio di un fucile, lo stesso Angelo LOCOROTONDO, il quale riportava ferite giudicate guaribili in 7 giorni.

Allertati da Paolo LOCOROTONDO (fratello di Angelo), soggetto nel passato coinvolto in vicende giudiziarie in tema di stupefacenti, alcune pattuglie della Compagnia di Gioia del Colle, raggiungevano tempestivamente l’abitazione di Noci, teatro del sequestro di persona e della rapina.

Alla vista dei militari, i malviventi si davano a precipitosa fuga a piedi, attraverso le campagne limitrofe. Veniva eseguita una vasta battuta, all’esito della quale i Carabinieri localizzavano e sequestravano i mezzi utilizzati e abbandonati dai malfattori, all’interno dei quali, oltre a quanto rapinato nell’abitazione, venivano rinvenuti un fucile Kalashnikov AK 47 privo di calcio, un caricatore contenente 25 cartucce cal. 7,62×39 ed un sacchetto contenente 19 cartucce cal. 7.62×39.

In tale quadro, con l’intervento sul posto del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Bari e l’ausilio delle Compagnie di Triggiano e Monopoli, veniva sviluppata una tempestiva manovra investigativa che consentiva di accertare che le gravi condotte delittuose erano state originate da un asserito debito di circa 50.000,00 euro, contratto nel passato da Paolo LOCOROTONDO con Nicola ANNOSCIA e non onorato, in merito all’acquisto di una partita di sostanze stupefacenti. Lo stesso Paolo LOCOROTONDO riferiva, altresì, che già nella serata del precedente 18 novembre, aveva subito un raid punitivo presso il laboratorio di panificazione sito a Noci di cui è proprietario insieme al fratello Angelo. In quella circostanza i violenti creditori avevano aggredito i due congiunti con calci e pugni e, sotto la minaccia delle armi, avevano sottratto agli stessi un Fiat scudo bianco ed un Renault traffic, a parziale compensazione del credito vantato. Le dichiarazioni rese da LOCOROTONDO, venivano corroborate da quelle di suo fratello Angelo e della LOPINTO, atteso che quest’ultimi fornivano dettagliata descrizione e successivo riconoscimento dei malviventi dei quali erano stati in ostaggio per un certo lasso di tempo.

Sulla base di tali informazioni, tutte oggetto di formale denuncia, ed ormai in possesso delle identità degli autori delle azioni delittuose, i militari si ponevano all’immediata ricerca degli stessi, realizzando una vasta attività di ricerca ed eseguendo una serie di perquisizioni, all’esito di una delle quali veniva localizzato e liberato lo sventurato Valerio LOCOROTONDO. Precisamente:

  • alle ore 04.00 circa veniva tratto in arresto Nicola ANNOSCIA, indicato, insieme a Cristofer MANZARI, Luigi ANNOSCIA e Pasquale LORUSSO, quale uno degli organizzatori ed autori del sequestro di Valerio LOCOROTONDO. L’ANNOSCIA era stato poi individuato come il creditore originario nei confronti di Paolo LOCOROTONDO;
  • alle ore 07.00 circa, in Noicattaro, a seguito di irruzione effettuata all’interno dell’abitazione ubicata in quella via Sant’Elia nr. 38, di proprietà di Carmine MANZARI, un altro dei componenti del commando, veniva localizzato e liberato Valerio LOCORONTONDO, il quale si trovava ancora in evidente stato di shock, rinchiuso in uno sgabuzzino e legato ad una sedia, sotto la custodia dello stesso MANZARI.

In tale quadro, la liberazione del sequestrato costituiva un eccezionale riscontro investigativo a quanto preliminarmente acquisito dalle dichiarazioni delle vittime, dando ulteriore positivo impulso alle indagini e quindi alla ricerca degli altri componenti del gruppo criminale. In tal senso:

  • alle ore 07.25 circa, veniva tratto in arresto Pasquale LORUSSO, rifugiatosi  in Adelfia (BA), presso l’abitazione dei genitori;
  • alle ore 14.00 circa, veniva tratto in arresto Cristofer MANZARI, sorpreso dagli operanti nei pressi di un esercizio pubblico sito in Noicattaro, quella via I Maggio;
  • alle ore 15.00 circa, veniva tratto in arresto Luigi ANNOSCIA, rifugiatosi anch’egli presso l’abitazione dei genitori sita in Noicattaro.

Tutti gli arrestati venivano associati presso la Casa Circondariale di Bari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria del capoluogo pugliese.

Le indagini proseguono al fine di ricostruire ancora più dettagliatamente gli eventi ed addivenire all’individuazione di eventuali correi allo stato non identificati.

Sommario
Bari: sequestro di persona a scopo di estorsione, i Carabinieri arrestano 5 persone
Article Name
Bari: sequestro di persona a scopo di estorsione, i Carabinieri arrestano 5 persone
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo
Flipboard

1 Commento

  1. Ignazio dice

    Congratulazioni per l’immediato intervento e le successive conclusioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.