Bari, minacce al sindaco di Terlizzi: trovato il presunto autore

Carabinieri_MolfettaBari, 19 apr – I Carabinieri di Molfetta, in provincia di Bari, ritengono di aver individuato l’autore delle minacce ai danni del sindaco di Terlizzi. Il 6 marzo scorso, venne dapprima inserita sotto la porta del suo ufficio una fotocopia che riproduceva un proiettile e, la mattina dopo, venne attaccato, con nastro adesivo, un proiettile vero sulla vetrata della stessa porta d’ingresso.

Si tratta di un uomo di 30 anni al quale è stato notificato un divieto di avvicinamento al primo cittadino e a un consigliere comunale della città dei fiori.

Per giungere alla misura cautelare gli inquirenti si sono avvalsi dell’ascolto di testimoni, di pedinamenti, di intercettazioni e delle immagini di un sistema di video sorveglianza. Il 30enne, seguito dai servizi sociali poiché con la famiglia in stato di bisogno e sottoposto ad un provvedimento di sfratto, era convinto di non essere assistito adeguatamente dal Comune.

L’uomo, infatti, seppure non avesse i requisiti previsti dalla legge per l’assegnazione di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica, avrebbe messo in atto i gesti intimidatori per costringere i due amministratori locali a compiere un gesto contrario ai loro doveri d’ufficio: assegnargli una casa comunale. Cosa che non si è realizzata.

Dalle indagini è emerso che il trentenne, già a febbraio, si era rivolto al sindaco e al consigliere comunale con delega ai Servizi Sociali, con messaggi dal contenuto intimidatorio, inoltrati attraverso social network o mediante Whatsapp nei quali, nell’esternare le sue richieste, non aveva esitato a minacciare, anche di morte, i due.(AdnKronos)

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.