Bancomat svuotati con chiavi clonate, CC catturano la “banda dell’ombrello”

banda-ombrello-torinoTorino, 3 nov – Svuotavano i bancomat e le casse continue senza scasso ed esplosivi, ma utilizzando chiavi che loro stessi riproducevano e poi utilizzavano, dopo aver effettuato dei fori in punti precisi, in modo da aprire le casseforti.

Per entrare nell’area riservata bancomat – con le chiavi realizzate da loro (clonate) -, disinstallare l’allarme volumetrico e inibire le telecamere di sicurezza, uno degli arrestati utilizzava un ombrello nero per coprirsi e rendersi “invisibile” alle telecamere.

Furti organizzati e pianificati nei minimi dettagli, che duravano anche nove giorni (video e foto documentano sia la fase organizzativa sia il furto). I “criminali 3.0” sono stati scoperti dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Torino, che hanno notificato due ordinanze di custodia cautelare in carcere per furti aggravati ai danni di bancomat e casse continue di questa Provincia.

Sono due italiani. Uno è titolare di un negozio di chiavi di Torino e il complice è un esperto del settore. Sono stati contestati alla coppia 5 furti per circa 300mila euro. Sono sospettati di avere messo a segno decine di colpi in tutto il Piemonte. Le attività di indagine sono state condotte dai Carabinieri, sotto la direzione ed il coordinamento del sostituto procuratore di Torino, Laura Longo.

Gli episodi contestati:

  • dal 5 all’8 maggio 2015: furto consumato in danno dell’A.T.M. della Banca Intesa San Paolo di Torino, Piazza Galimberti n. 5 (bottino 62.120 €);
  • 28 aprile 2015: tentato furto in danno dell’A.T.M. della Banca Intesa San Paolo interno al Centro Commerciale “Le Alpi” di Ciriè, via Battitore n. 100;
  • dal 20 al 29 aprile 2015: furto consumato in danno dell’A.T.M. della Banca Intesa San Paolo interno al Supermercato PAM di Pino Torinese, Corso Chieri n.92 (furto tentato – per quanto riguarda il denaro contenuto nell’ATM -, ma è stata asportata parte di una serratura elettronica);
  • dal 15 al 23 luglio 2015: furto consumato in danno dell’ATM della Banca Intesa San Paolo installato presso il C.A.A.T. di Torino in Grugliasco (furto tentato – per quanto riguarda il denaro contenuto nell’ATM -, ma è stata asportata parte di una serratura elettronica);
  • 26 ottobre 2015: tentato furto in danno dell’ATM della Banca Intesa San Paolo installato presso l’Ipermercato AUCHAN di Torino – Corso Romania (arrestati in flagranza di reato. La cassaforte conteneva 228.000 €).

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.